Vittoria. Fabio Nicosia: “Conferenza stampa Moscato. Un anno al rallentatore, nessuna promessa elettorale mantenuta”

Riceviamo e pubblichiamo

VITTORIA – Da un anno propagandato come rivoluzionario ci si aspettava qualcosa di più che non il riepilogo da un lato delle iniziative avviate meritoriamente dalla precedente amministrazione e dall’altra i ritardi ed il blocco su tutti i progetti definitivi o esecutivi anch’essi lasciati in eredita’ dalla precedente giunta.

I milioni di euro che si attendono dall’”Agenda urbana” sono infatti il frutto dell’iniziativa avviata nei primi mesi del 2016 dal sindaco Nicosia e dal dirigente Basile, così come i fondi Gal- Flag e Fep , rappresentano la naturale prosecuzione dell’attivita’ progettata e svolta con il Gac. Le slide della conferenza stampa di Moscato, in verità non espressa dallo stesso, sono tutte progettazioni e rapporti con Enti ed Istituzioni che furono avviate tra la fine del 2015 e la prima metà del 2016 con la creazione della sezione fondi e progettazione europea diretta egregiamente, su mandato del sindaco Nicosia, dal dott Basile, unica professionalità ad aver creduto fino in fondo su tali opportunità e sulla creazione della struttura amministrativa che le ha tradotte in realtà progettuale.

Nulla viene detto nella relazione di Palazzo Iacono sull’anno trascorso in merito al colpevole ritardo per l’approvazione del Piano Regolatore , il cui schema di massima è del tutto identico a quello presentato dalla precedente amministrazione e sul quale,dunque, l’amministrazione Moscato ha tre anni di irresponsabile e colpevole ritardo. Prima due anni persi per aver fatto cartello con Aiello e la strana sinistra di Garofalo e Mustile per votarlo negativamente e bloccarlo, poi un anno ora di attendismi tattici nel portarlo avanti così, identico a quello presentato dalla Giunta Nicosia. L’edilizia ed il turismo vittoriese non possono certo ringraziare per l’ostruzionismo di prima e l’incapacità e il ritardo attuale .

Idem per il progetto del lungomare della Lanterna: il progetto è esecutivo e dunque cantierabile dal maggio 2016, da finanziare con un mutuo e con la quota “ Ex Insicem” spettante a Vittoria , ma in nell’ anno trascorso non si è mossa foglia, se non con un comunicato stampa. Le opere pubbliche non si realizzano con i comunicati o a parole, ma con gli appalti e l’esecuzione delle opere.

La verità sul primo periodo di Moscato ? Un anno di inconcludente ritardo, evidente, ad esempio, riguardo gli attesi e necessari lavori di escavazione e banchinamento del Porto di Scoglitti: nell’aprile/ maggio 2016 questo progetto era andato in conferenza di servizi ottenendo i pareri favorevoli di tutti gli enti e in attesa di un solo parere della sovrintendenza del mare per gli eventuali ordigni bellici. I soldi erano stati trattenuti lottando contro la Regione che li voleva dirottare altrove. Che fine ha fatto questa importantissima opera? Si e’ tenuta la conferenza di servizi conclusiva ? E’ stato ottenuto l’ultimo parere? Perché questo silenzio e questo ritardo? Forse gli amministratori sconoscono lo stato dell’arte?

Bene ha fatto in conferenza il sindaco Moscato, cui riconosciamo il merito di impegnarsi comunque nel rispetto del proprio ruolo, a non stilare graduatorie di merito dei suoi assessori e a ritenerli tutti pari. In effetti non ne abbiamo visto uno che si salva, che realmente produca un’idea innovativa o quanto meno originale e propria. E manco esistono per la cittadinanza che li sconosce dal punto di vista amministrativo. Ha ragione tutti pari…. parimenti bocciati !

Fabio Nicosia

Fabio Nicosia – cons comunale #nuoveidee i democratici
Print Friendly, PDF & Email