Vittoria. Frasca e Miccoli: “Gli abbagli” del consigliere Fabio Nicosia testimoniano che siamo sulla giusta strada. Riceviamo e pubblichiamo

Riceviamo e pubblichiamo

VITTORIA – Il consigliere di Nuove Idee Fabio Nicosia ha preso un grosso abbaglio sugli impianti sportivi – esordiscono così i consiglieri di maggioranza Stefano Frasca e Toti Miccoli – sparando accuse false e sconclusionate, ci dimostra che siamo sulla strada giusta.

In primo luogo abbiamo troncato, anche nello sport, il solito familismo amorale che ha contraddistinto la precedente amministrazione e che ha visto, proprio nell’attuale consigliere, uno dei personaggi di spicco di un sistema ben rodato.

I vittoriesi non dimenticano il Beach Soccer e gli ingenti costi sostenuti dall’ente per finanziare la manifestazione.

L’amministrazione comunale ha scelto, proprio per buttare il passato alle spalle, di procedere alla assegnazione delle strutture sportive attraverso un bando pubblico.

Una scelta trasparente e alla luce del sole.

Comprendiamo benissimo – continuano i consiglieri – che per il consigliere Nicosia un bando pubblico sia una cosa mai vista, ma la musica è cambiata.

Le fandonie relative ai campi di tennis adiacenti alla Villa Comunale tornano presto al mittente: la società sportiva menzionata dal consigliere non ha nemmeno partecipato al bando per l’assegnazione dei campi! Il consigliere di Nuove Idee conosce le condizioni degli impianti sportivi che abbiamo ereditato dalla vecchia amministrazione: vecchi, fatiscenti, assegnati alle società senza alcun controllo e senza prevedere alcuna miglioria.

Ciò nel tempo ha portato a uno stato di estremo degrado delle strutture che necessitano di interventi di manutenzione straordinaria – concludono – e poi ci vengono a parlare di inerbamento dopo che per un decennio hanno devastato le strutture di Vittoria e Scoglitti? Siamo al ridicolo!

L’amministrazione ha scelto la trasparenza con buona pace di chi vorrebbe tornare indietro.

Toti Miccoli
Stefano Frasca

In foto a sinistra Toti Miccoli e a destra Stefano Frasca

 

Print Friendly, PDF & Email