Vittoria. La Rosa: “Nuove nomine di Nicosia e le scelte sbagliate per la città”

Nuove nomine a palazzo Iacono, La Rosa: “Le scelte sbagliate del sindaco Nicosia continuano a danneggiare la città di Vittoria che ha bisogno di uscire dal tunnel”

Vittoria, 19 maggio 2015 – “Ancora una volta il sindaco di Vittoria ci fa rimanere senza parole. E non tanto per la nomina di un assessore, a cui facciamo i migliori auguri di buon lavoro, la cui validità operativa valuteremo sul campo, quanto per la soluzione forzata della crisi ai vertici Emaia quando tutti sappiamo che la fase è molto delicata proprio perché si stava cercando di venire fuori da una situazione di deficit al limite del default”. E’ il commento che arriva dal consigliere comunale di Sviluppo Ibleo, Andrea La Rosa, dopo gli annunci fatti ieri dal sindaco Giuseppe Nicosia che ha chiamato in Giunta il consigliere comunale Elio Cugnata mentre ha nominato alla presidenza dell’Emaia Salvatore Tolomeo. “Nulla da eccepire – aggiunge La Rosa – sulla persona, ma ritengo che la nomina di Tolomeo sia completamente fuori ruolo. Proprio perché l’Emaia sta attraversando un momento critico e quindi c’era bisogno che il commissario Giuseppe Sulsenti proseguisse la propria attività al fine di ottenere delle risposte efficaci. Non dobbiamo dimenticare, inoltre, che, in questi ultimi mesi, il sindaco non ne sta azzeccando neppure una. A cominciare dalla nomina di Arturo Di Modica ad assessore alla Cultura che si è rivelata un boomerang pesantissimo per il primo cittadino. Vittoria ha la necessità di amministratori attenti e capaci, amministratori a tempo pieno e non certo di persone che si dedicano alla città nei ritagli di tempo. Quindi, Nicosia ha perso altri mesi preziosi quando invece ci sarebbe stata, e c’è, la necessità, nei vari settori, di fornire delle risposte importanti alla cittadinanza. Come sempre, vigileremo per capire cosa accade e per sottolineare ciò che di sbagliato persiste. Forniremo, inoltre, il nostro contributo in termini di proposte, non dimenticando di vigilare, su quanto accade in città”.

Print Friendly, PDF & Email