Vittoria, Nicosia (FDI): “Insensato piano amministrazione su dimensionamento scolastico”

Nicosia e Moscato: “Ridimensionamento delle rete scolastica comunale. Il piano dell’amministrazione Nicosia insensato. Non rispetta i criteri di efficienza e di territorialità. Si approvi il piano condiviso dai dirigenti oppure si apra il confronto. Noi abbiamo una proposta alternativa”

Vittoria, 18 settembre 2015 – È sul piano di dimensionamento della rete scolastica cittadina che tornano gli esponenti di FDI in Consiglio Comunale Andrea Nicosia e Giovanni Moscato. “Incredibile come l’amministrazione comunale stia agendo nell’assoluto silenzio, senza alcuna concertazione con i dirigenti della città né con gli operatori della scuola. Il piano di dimensionamento deliberato in giunta dall’amministrazione comunale nel giungo 2015 è assolutamente insensato e privo di qualsivoglia logica sul piano della organizzazione territoriale delle istituzioni scolastiche. Unico obbiettivo dl piano proposto dall’amministrazione è quello di creare un solo mega super Istituto a discapito di tutte le altre Istituzioni che vedrebbero ridotti i propri numeri. Senza contare che, nei prossimi 5 anni è previsto (basta leggere i dati relativi ai nati in questi ultimi 4 anni) un calo demografico di circa il 40-50%. Una integrazione ad esso è stata presentata in Commissione cultura dall’assessore alla P.I. interamente condivisa dai dirigenti degli Istituti scolastici della città che lo hanno condiviso nel suo complesso. Oggi, invece, veniamo a conoscenza della volontà dell’amministrazione Nicosia di non porre alcuna considerazione alla seconda proposta, procedendo alla conferma della prima delibera, in assoluto contrasto con la volontà dei dirigenti scolastici della città”.
“L’amministrazione Nicosia disattende pare intenda disattendere la volontà del coordinamento dei dirigenti procedendo alla conferma di un piano assolutamente privo di alcun rigore logico. Quest’amministrazione non finisce di stupire. Anche nelle scelte relative alla organizzazione della rete scolastica cittadina piuttosto che assecondare la univoca proposta dei dirigenti scolastici preferisce fare da se, senza condivisione né discussione alcuna. L’amministrazione arresti il processo deliberativo e apra la discussione. Si approvi il piano proposto dai dirigenti all’unanimità o si apra un confronto. Noi abbiamo una proposta che risponde certamente ai criteri di efficienza e che rispetta l’assetto territoriale delle Istituzioni scolastiche del territorio oltre a prevedere la riduzione degli spazi e, quindi, il risparmio di alcuni immobili locati dall’amministrazione Nicosia”, concludono gli esponenti di Fratelli d’Italia.

Print Friendly, PDF & Email