Vittoria. PD: “in Consiglio Comunale episodio che ci ha lasciati sbalorditi e preoccupati”. Riceviamo e pubblichiamo

VITTORIA – Ieri in Consiglio Comunale è avvenuto un episodio che ci ha lasciati a dir poco sbalorditi e preoccupati. E’ stato trattato il “Regolamento per la disciplina dell’uso di aree private o pubbliche per l’esercizio stagionale o temporaneo dell’attività di parcheggio pubblico custodito a pagamento”.
Si è trattato in estrema sintesi di un regolamento che ha normato gli aspetti tecnici per la realizzazione di parcheggi soprattutto nella frazione di Scoglitti e sul quale in linea di massima non abbiamo opposto alcunchè se non per alcuni aspetti di natura tecnica per cui il nostro voto non è stato contrario ma di astensione.
Sennonchè proprio per la natura esclusivamente tecnica del regolamento abbiamo presentato nella stessa seduta – e per lo stesso regolamento – un ordine del giorno condiviso e sottoscritto anche dai colleghi Fabio Nicosia e Sara Siggia del gruppo Nuoveidee e Peppe Nicastro del Gruppo Misto.
Con questo atto politico intendevamo dare un indirizzo all’Amministrazione Comunale sostanzialmente proponendo delle modalità di assegnazione e/o autorizzazione dei parcheggi che tenessero conto:
della necessità che a ciascun richiedente venissero autorizzati non più di due aree a parcheggio proprio nell’intento di evitare posizioni di monopolio soprattutto in considerazione del fatto che queste attività, che potrebbero rivelarsi redditizie, sarebbero potute essere oggetto di interesse della criminalità mafiosa. Con il contingentamento delle autorizzazioni si sarebbe raggiunto il doppio obiettivo quello di non consentire cartelli monopolistici criminali ed anche permettere col principio della libera concorrenza una calmierazione dei costi a beneficio dell’utenza;
della opportunità di prevedere una scontistica per i vittoriesi e scoglittiesi che avrebbero usufruito delle aree a parcheggio;
della opportunità di prevedere una sorta di cauzione da caricare sul costo del biglietto di parcheggio che sarebbe stata restituita all’utente allorchè questo avrebbe consegnato il proprio sacco della spazzatura al momento del ritiro della propria autovettura e quindi incentivare l’utenza delle nostre spiaggie a lasciarle pulite.
Ma cosa è accaduto invece? La maggioranza non ha nemmeno consentito l’ingresso della mozione per la sua trattazione in Consiglio.
Per onestà politica ed intellettuale dobbiamo rendere merito al consigliere Sallemi di essere stato l’unico a comprendere la bontà del nostro documento e votare favorevolmente per la sua trattazione a prescindere dal fatto di condividerlo interamente o meno.
Per il resto l’ingresso dell’ordine del giorno in aula è stato votato favorevolmente solo dal gruppo PD, da NUOVEIDEE, dal Grupp Misto e dal Movimento Cinque Stelle e quindi è stato bocciato.
E spiace anche prendere atto che il Presidente del Consiglio Nicosia ha votato contrario all’ingresso della mozione in Consiglio. Questo è un atteggiamento che certamente non fa onore al suo ruolo super partes perché un conto è votare il merito di un documento proposto dalla opposizione ed un conto è che il Presidente del Consiglio voti perché non si avvii il dibattito in Aula.
Dopo questo gesto sarebbe opportuno che il Presidente Nicosia rassegnasse le sue dimissioni dalla carica che ricopre perché non è più garanzia di terzietà nel Consiglio Comunale.

Ma siamo fortemente preoccupati proprio per il fatto che la maggioranza non ha voluto che si discutesse e riflettesse sul pericolo di ingerenze criminali e mafiose nella questione e gestione dei parcheggi.
Lo consideriamo, questo, un atto gravissimo che ci costringe a segnalare l’accaduto al Prefetto di Ragusa, alla Commissione Nazionale Antimafia ed alla Commissione Regionale Antimafia ai quali invieremo la copia del nostro ordine del giorno per le determinazioni del caso.
Volevamo fare una opposizione costruttiva nel consigliare alcuni modi di agire a questa Amministrazione ma la sua maldestra maggioranza non ha compreso, o non ha voluto comprendere, il senso del nostro documento.
E siccome riteniamo di stare all’opposizione in maniera responsabile in ogni caso invieremo ugualmente il nostro ordine del giorno al Sindaco Moscato e da Lui attenderemo una risposta in merito al nostro atto di indirizzo.
Alleghiamo l’ordine del giorno.

Salvatore Di Falco e Bianca Mascolino, Consiglieri comunali PD

I consiglieri comunali Salvatore Di Falco e Bianca Mascolino
Print Friendly, PDF & Email