Vittoria, Piano di dimensionamento. Occhipinti: “Abbiamo subito quello della scorsa amministrazione. Adesso avviato confronto con famiglie, assessorato regionale e ministero”

VITTORIA – L’assessore all’Istruzione, Gianluca Occhipinti, interviene sulla tematica del dimensionamento scolastico illustrando i vari passaggi compiuti dall’amministrazione comunale sin dall’inizio del mandato.
“Abbiamo più volte evidenziato – spiega Occhipinti – il nostro disappunto verso il piano di dimensionamento elaborato dalla precedente amministrazione. Non ne abbiamo condiviso né il merito né il metodo. Al momento del nostro insediamento ci siamo subito occupati del problema dialogando con i genitori, con il provveditore degli studi di Ragusa, con l’assessore regionale all’Istruzione e con parte dei sindacati. Sia il provveditore sia l’assessore Marziano hanno ritenuto impossibile intervenire a luglio per modificare quanto fatto dalla precedente amministrazione. Un’eventuale revoca della delibera della giunta Nicosia e un nuovo decreto assessoriale sarebbero stati carta straccia, poiché dovevano avvenire nei tempi di legge (29 febbraio 16) e perché si sarebbero scontrati con tutto il sistema dei codici meccanografici e degli organici del mondo della scuola e su questo punto conviene anche l’assessorato regionale di competenza”.
“Abbiamo privilegiato il dialogo con i genitori e le famiglie per limitare i disagi – ha sottolineato il sindaco – e l’assessore Occhipinti, a seguito di un serrato confronto con l’assessore Marziano, ha inviato la scorsa settimana una proposta alternativa all’assessorato regionale, all’Usr Sicilia, all’Usp Ragusa e di conseguenza al Mef e al Ministero dell’Istruzione per una possibile soluzione al problema. Nell’attesa di questa risposta continueremo ad essere vicino alle famiglie in tutti i modi possibili. Qualcuno, evidentemente poco informato o smemorato, non sa che noi non possiamo intervenire sulla delibera e sempre questo qualcuno in campagna elettorale aveva promesso ai genitori un ricorso al Tar sinora non pervenuto. Prima di fare demagogia spicciola, visto che la campagna elettorale è terminata, occorrerebbe informarsi meglio e non giocare sui disagi dei nostri figli solo per qualche titolo di giornale”.

Print Friendly, PDF & Email