Vittoria. Salvo Sallemi: “collega d’opposizione Nicastro eviti polemiche e legga regolamento e statuto più spesso!”

VITTORIA – “Il rimpasto di giunta con le nomine di Valeria Zorzi, Alfredo Vinciguerra e Daniele Barrano rappresenta un momento di continuità del lavoro svolto dai precedenti assessori uscenti, come dichiarato dallo stesso Sindaco durante la conferenza stampa di presentazione della nuova squadra” dichiara il Consigliere Salvo Sallemi “sono certo che Zorzi, Vinciguerra e Barrano, produrranno un lavoro solerte e costruttivo, ci attendono anni di slancio dopo la fase iniziale della legislatura, occorre seguire i tanti progetti in cantiere, dalla realizzazione del lungomare, alla progettazione per l’acqusizione dei fondi della agenda urbana a cui il Comune di Vittoria è stato riconosciuto idoneo”. “Anche la delega attribuita alla collega Iaquez, la quale si occuperà di Scoglitti, consentirà di poter programmare la nuova stagione estiva e di ottimizzare e concretizzare le idee, lavoro che sarà svolto in sinergia con i due esperti Alessandro Macauda e Davide Privitelli”. Sono lieto anche della nomina ad esperto allo Sviluppo Economico di Nello Dieli, persona di comprovata serietà e esperienza politica, il quale con il movimento politico “Vittoria che cambia” sarà certamente di ausilio alle nuove sfide che attendono l’amministrazione, d’altronde la situazione ereditata dalla precedente amministrazione, oggi opposizione, ci obbliga ad un lavoro immane”.
Ed è proprio all’opposizione a cui il Consigliere Sallemi si rivolge: “Rimango basito da certe dichiarazioni, nello specifico quelle rese dal funambolo del trasformismo ossia il consigliere Nicastro, il quale, oramai punto di riferimento nel PD del quale detta anche la linea politica, non si rende conto di come le sue critiche siano frutto, probabilmente, di un disorientamento dovuto agli eccessivi cambi di casacca effettuati negli ultimi anni, ecco l’excursus. Forza Italia prima, PDL poi, quindi, opposizione acerrima ai suoi odierni amici di partito, poi con Aiello nella cui (udite, udite!!!) lista civica la Spiga è stato eletto e nella quale era stato designato assessore in caso di vittoria, per poi passare al gruppo misto in consiglio e, dulcis in fundo, finalmente, al PD nella cui segreteria è stato inserito insieme ai due consiglieri della lista civica Nuove Idee, Siggia e Dezio.

Fossi in lui starei attento a parlare di liste civiche e di tradimenti, potrebbe correre il rischio di trovarsi un domani nelle file di qualche partito di riferimento della maggioranza regionale, d’altronde, quella eventuale sorte non dipenderebbe da lui, il quale, dovrebbe, come al solito, solo “subirla”. “Sulla critica al tradimento del progetto civico e alla costituzione dei gruppi di estrazione politica in consiglio” continua Sallemi “mi limito solamente a ricordare al consigliere Nicastro, il quale parla di una presenza in Consiglio del gruppo di Fratelli d’Italia, cosa a noi attualmente sconosciuta che, qualora tale ipotesi dovesse verificarsi, sarà adeguatamente informato dagli organi competenti”. “L’unico gruppo in Consiglio del quale faccio parte è quello di Se la ami la cambi, che vedrà, a breve, l’ingresso della Dott.ssa Di Giacomo nelle proprie file in surroga al dimissionario Vinciguerra. Sulla mancata comunicazione in Consiglio dell’imminente rimpasto da parte del Sindaco, invito il collega Nicastro a chiedere lumi al più esperto Collega Di Falco, il quale, gli avrebbe certamente spiegato che il Sindaco non ha alcun obbligo di comunicare la propria volontà di rimpasto della Giunta al Consiglio, né tanto meno il Presidente è tenuto a dare comunicazioni su eventuali rimpasti che, tanto per precisarlo, rimangono attività extra consiliari”.

“Invito il collega Nicastro, ogni tanto, a dare un’occhiata al regolamento e allo statuto onde evitare inutili polemiche!”

Print Friendly, PDF & Email