Vittoria. Scuderi (Presidente commissione assetto e territorio): “Adesso al lavoro per l’interesse comune della città”

VITTORIA – Il consigliere comunale Giuseppe Scuderi, eletto nella lista “Riavvia Vittoria” a sostegno del sindaco Giovanni Moscato, è stato eletto presidente della Commissione consiliare permanente “Assetto e territorio” del Civico consesso della città di Vittoria. Per lui cinque voti su otto (tre le schede bianche) mentre per la vice presidenza è stata designata, sempre con cinque voti su otto, Valeria Zorzi della lista “Se la ami la cambi”. L’elezione è avvenuta questa mattina durante la prima seduta della commissione convocata dal presidente del Consiglio comunale Andrea Nicosia.

Scuderi ha ringraziato i colleghi consiglieri della maggioranza che hanno posto in lui la fiducia per questo incarico ed anche i consiglieri dell’opposizione che non hanno dato alcuna indicazione di voto. “Mi auguro –ha esordito Scuderi- che i lavori della commissione che mi onoro di presiedere potranno essere proficui nell’interesse esclusivo della città e soprattutto all’insegna della collaborazione tra le varie forze politiche. Per questo motivo ho chiesto il contributo di tutti, in particolar modo dei consiglieri più esperienti, considerato anche la delicatezza e l’importanza delle questioni che affronteremo da qui in avanti”.

Il neo presidente infatti ha evidenziato alcune delle problematiche che la commissione “Assetto e territorio” affronterà già a partire dalle prossime sedute.  “Diverse sono le priorità che sin da subito saremo chiamati a discutere, -ha aggiunto ancora Scuderi- come per esempio la variante al piano regolatore generale, la lotta alle discariche abusive, il controllo e il monitoraggio del territorio per garantire maggiore decoro urbano e servizi ai residenti di tutti i quartieri, anche quelli periferici. E soprattutto bisognerà far partire la raccolta differenziata così come annunciato qualche giorno fa dal sindaco Giovanni Moscato in conferenza stampa. La raccolta differenziata dovrà segnare, infatti, il cambio di marcia rispetto al passato, partendo in particolar modo dai ragazzi e dalle scuole con progetti di sensibilizzazione verso il rispetto dell’ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email