Vittoria. Sopralluogo di La Rosa tra le serre della fascia trasformata vittoriese distrutte dal maltempo

I danni del maltempo agli impianti serricoli della fascia trasformata, il vicesindaco di Vittoria Andrea La Rosa ha effettuato un sopralluogo nelle zone più colpite e ha incontrato i produttori. Giovedì è in programma un incontro a palazzo Iacono

VITTORIA – Il presidente del movimento politico Sviluppo Ibleo, il vicesindaco di Vittoria Andrea La Rosa, accompagnato da alcuni rappresentanti del Movimento degli agricoltori (Mda) e del Movimento Sviluppo Agricolo, ha fatto visita agli imprenditori i cui impianti serricoli, nei giorni scorsi, sono rimasti colpiti dal maltempo e, in particolare, dalla tromba d’aria che, lungo la fascia trasformata, ha devastato i raccolti e creato gravi problemi di ogni genere. La Rosa ha proposto un incontro con gli imprenditori agricoli nella giornata di giovedì 27 ottobre a palazzo Iacono. La riunione servirà a comprendere quali potranno essere gli accorgimenti eventualmente da adottare, attraverso i canali regionali e nazionali, coinvolgendo pure l’Ipa di Ragusa, per garantire i dovuti risarcimenti agli agricoltori. “Purtroppo – sottolinea La Rosa – quello che ho toccato con mano è una situazione davvero problematica. Le serre sono andate pressoché distrutte. Quasi nulla è recuperabile. Una mazzata davvero terribile per tutti gli operatori del settore come se già non bastassero le altre problematiche con cui il comparto si confronta tutti i giorni. Sono rimasto profondamente colpito dal rammarico, sino alle lacrime, esternatomi da alcuni dei produttori più avanti negli anni che, in pratica, si ritrovano in mezzo a una strada. Ho portato loro la mia personale solidarietà e quella del sindaco Giovanni Moscato e ho spiegato che il nostro impegno sarà finalizzato a individuare un percorso che ci garantisca le soluzioni migliori per arrivare a recuperare, il più possibile, il terreno perduto. Saranno valutate quali le soluzioni, anche caso per caso se necessario, al fine di dare risposte assolutamente indispensabili in questo periodo problematico”.

Print Friendly, PDF & Email