Vittoria. UDC: “il nostro gruppo approva tre mozioni che hanno di nuovo messo sotto l’ex maggioranza”

Abolire il ticket all’emaia, la parcella onerosa in favore del figlio di un assessore e la sicurezza nelle campagne i temi che sono stati trattati nel corso della seduta di ieri sera

Vittoria, 13 novembre 2014 – “Ancora una volta è il dato politico che tiene banco al Consiglio comunale di Vittoria. Nella seduta di ieri sera, l’ex maggioranza, che sostiene l’Amministrazione Nicosia, è andata sotto per ben tre volte. L’opposizione, infatti, ha fatto approvare, in maniera compatta, tre importanti mozioni che impegnano la Giunta Nicosia a muoversi nelle direzioni tracciate”. E’ quanto affermano i consiglieri comunali dell’Udc, il capogruppo Daniele Barrano assieme a Santo Cirica, Franco Caruso e Salvatore Sanzone, evidenziando come “ancora una volta, la tenuta dell’esecutivo cittadino debba fare i conti con le indicazioni che arrivano dall’opposizione che, a larghissima maggioranza, ha approvato, intanto, la bocciatura dell’imposizione del ticket di due euro per l’ingresso all’Emaia“.
La fiera di San Martino – affermano i consiglieri Udc, così come è stato rilevato in aula – ha da sempre contemplato l’ingresso gratuito dei cittadini. Per cui la mozione ha impegnato la Giunta ad adoperarsi per bocciare questa assurda imposizione proveniente dal Cda dell’azienda municipalizzata. La seconda mozione, invece, interviene nella vicenda dell’incarico affidato al figlio dell’assessore Angelo Dezio. Una parcella di quasi 100mila euro per progettare al mercato ortofrutticolo una serie di pensiline. Nella mozione si esprime una visione inaccettabile dell’amministrare la cosa pubblica e per questo motivo si chiede all’assessore Dezio di rassegnare immediate dimissioni. Sembra incredibile che la Giunta Nicosia, che si riempie la bocca con paroloni come l’etica politica, si lasci andare ad autorizzare una determina del genere, con una parcella faraonica, a maggior ragione in tempi di spending review, a vantaggio del figlio di un assessore in carica. Ma scherziamo o diciamo sul serio? Questa scelta non è ammissibile. Ed è bene che la città ne prenda atto. Infine, la terza mozione, presentata dal consigliere Francesco Aiello, riguarda il tema della sicurezza nelle campagne devastate dalla mancanza di controlli e della presenza dello Stato a tutela delle aziende, dei lavoratori e della legalità: con la mozione è stata sollecitata una nuova convocazione del comitato provinciale per l’ordine pubblico con la partecipazione dei rappresentanti del Consiglio comunale e delle organizzazioni professionali agricole. Ciò per salvaguardare i produttori e i lavoratori che sono costretti a sacrifici enormi nel tentativo di impedire furti e violenze di ogni genere”.

Print Friendly, PDF & Email