6 Ottobre 2022

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Scicli. I CC arrestano ladri di carrube i nuovi obiettivi dei predatori agricoli.

2 min read

Scicli. 27 agosto 2022

Un fenomeno criminale in netta crescita quello dei furti di carrube, soprattutto nelle zone rurali della provincia di Ragusa. Da qualche anno, infatti, si è sviluppato un mercato assai importante intorno ai semi presenti nel carrubo, utilizzati nell’alimentazione, sia umana che animale, ma soprattutto nell’industria alimentare. L’incredibile aumento del valore di questo frutto, di cui la Sicilia, ed in particolare le province di Ragusa e Siracusa, sono tra i maggiori produttori, ha portato ad un considerevole incremento della quantità di furti consumati. A tal proposito i Carabinieri della Compagnia di Modica, tramite un’attenta analisi degli episodi delittuosi, hanno elaborato un efficace piano di contrasto al fenomeno criminale in questione, concentrando le proprie forze in determinate zone, considerate più appetibili, ed in precise fasce orarie della giornata. Risultano ben 7 le persone arrestate nel solo mese di agosto per furto di carrube, due invece quelle denunciate a piede libero. Tutti i furti scoperti, sono stati consumati a Scicli, principalmente in alcuni terreni di Contrada Bomacchia. Gli ultimi tre arresti proprio il 23 agosto. Nell’occasione i militari della Stazione di Donnalucata hanno tratto in arresto due uomini ed una donna, tutti originari di Scicli ed incensurati, colti in flagranza del reato di furto.
I tre, senza alcun timore e alla luce del sole, si erano introdotti in un terreno delimitato, lungo l’intero perimetro, da un tradizionale muro a secco – adiacente ad una strada privata proprio in Contrada Bomacchia, nel comune di Scicli – e con naturalezza hanno iniziato a rubare il prezioso frutto.
I militari, impegnati in un servizio preventivo, finalizzato proprio al contrasto dei reati predatori, al loro passaggio, notando gli individui raccogliere le carrube dagli alberi, li hanno immediatamente fermati e controllati. Sottoposti a perquisizione, i soggetti sono stati trovati in possesso di alcuni grandi sacchi di juta contenenti una quantità complessiva di carrube pari a 110 chilogrammi. La refurtiva è stata sequestrata e restituita al legittimo proprietario. Nel mese di agosto l’attività della Compagnia Carabinieri di Modica ha portato complessivamente al sequestro ed alla restituzione ai legittimi proprietari di oltre 500 chilogrammi di carrube, per un valore di circa mille euro.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share