Gli “Europei” del calcio a sette per la prima volta in Italia con il torneo International Football Tournament of the European Migration & Asylum

PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA, A RAGUSA, L’INTERNATIONAL FOOTBALL TOURNAMENT OF THE EUROPEAN MIGRATION & ASYLUM IN PROGRAMMA DAL 19 AL 24 GIUGNO A RAGUSA. 800 ATLETI, 54 SQUADRE E 16 NAZIONI RAPPRESENTATE. PREVISTI EVENTI, SPETTACOLI E INIZIATIVE COLLATERALI, TRA CUI IL TRIBUTO MUSICALE AI PINK FLOYD NEL CENTRO STORICO.

RAGUSA – Gli “Europei” di calcio a sette, ospitati per la prima volta in Italia, si svolgeranno dal 19 al 24 giugno in Sicilia, a Ragusa. Si tratta dell’International Football Tournament of the European Migration & Asylum, il torneo internazionale dei componenti delle forze dell’ordine che è giunto alla sua 17esima edizione. Ottocento, tra atleti e accompagnatori, suddivisi in 54 squadre e in rappresentanza di ben sedici nazioni, promettono fin da adesso di darsi battaglia attraverso le proprie formazioni maschili, femminili e miste. Gli atleti arrivano da Austria, Belgio, Canada, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Olanda, Portogallo, Romania, Svizzera e Ungheria. L’Europa dello sport si ritrova dunque nel Sud Est siciliano per una competizione sportiva interamente dedicata al calcio a sette, una delle discipline più in voga negli ultimi anni. Al torneo internazionale è abbinato anche la decima Coppa Barocca Città di Ragusa. L’organizzazione dei due eventi sportivi è curata dal Gruppo Sportivo della Polizia Municipale di Ragusa che ha pensato anche ad una due giorni di eventi, spettacoli, stand ed iniziative per coinvolgere il centro storico della città. Si comincia il 21 giugno con l’inaugurazione della manifestazione in piazza Libertà, nel cuore di Ragusa, che si trasformerà in un teatro all’aperto per accogliere, in serata, l’atteso concerto dei Pink’sOne – Italian Pink Floyd Tribute Show. Giorno 22 c’è attesa per l’esibizione della Fanfara dei Bersaglieri e degli sbandieratori di Noto e di Floridia che accompagneranno la sfilata delle nazioni partecipanti all’International Football Tournament of the European Migration & Asylum lungo le vie del centro storico. In piazza il momento istituzionale con il saluto delle autorità mentre alle 21 spazio agli appassionati di calcio che potranno seguire sul maxischermo la partita degli europei Italia-Irlanda. Il 23 e 24 giugno le fasi sportive del torneo presso i campi dell’Athena Resort. L’importante competizione ha ottenuto il patrocinio del Ministero dell’Interno e i dettagli, a pochi giorni dall’inizio, sono stati illustrati stamani nel corso di una conferenza stampa alla presenza dei rappresentanti delle forze dell’ordine e dei rappresentanti istituzionali come il vicesindaco e assessore allo sport Massimo Iannucci che ha parlato dopo i saluti dei vertici di Carabinieri, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, Capitaneria di Porto. “Il torneo internazionale conclude le celebrazioni per i 150 anni di fondazione della nostra Polizia Municipale – ha spiegato il vicesindaco Iannucci – Sarà una vera e propria festa per la città, coinvolta da vari eventi che si svolgeranno nel centro storico ma anche da iniziative e attività collaterali oltre naturalmente alla competizione sportiva”. Sull’importanza della competizione si è soffermato Giovanni La Cognata, presidente del Gruppo Sportivo della Polizia Municipale di Ragusa: “Per la prima volta questa manifestazione viene ospitata in Italia e dunque siamo orgogliosi che la Sicilia e Ragusa in particolare siano protagoniste assolute. Naturalmente vinca il migliore”. Ad illustrare tutti gli aspetti organizzativi ma anche a lanciare un chiaro invito alla collettività a partecipare in massa anche agli eventi nel centro storico del 21 e 22 giugno, è stato il tenente Gianni Malandrino che ha curato tutta la logistica: “Abbiamo tante iniziative, dunque non solo sport ma una festa per tutta la città”. Saranno in gara 32 squadre maschili, 17 miste e 5 femminili. Ogni girone è formato da quattro squadre. Nel torneo maschile i primi due qualificati andranno alla fase Champions, e il terzo e quarto alla fase Europa Legue. “Ma il vero piacere è non solo quello di giocare ma soprattutto quello di socializzare e condividere questi momenti”, ha concluso Malandrino.

Print Friendly, PDF & Email