La Pallamano Ragusa torna a giocare in casa

Ragusa, 12 dicemnbre 2014 – Torna, finalmente, a giocare di nuovo tra le mura amiche la Pallamano Ragusa. Domenica 14 dicembre, alla palestra Sebastiano Parisi di via Bellarmino, riceverà la visita della vicecapolista Handball Palermo che, a quota 9 punti in classifica, si propone come una delle formazioni più forti di questo torneo. Ma in questo campionato di Serie B, così come testimoniato dalle tre lunghe trasferte consecutive che i ragusani sono stati costretti a sostenere, tutto può ancora succedere, a maggior ragione in una prima fase in cui i rapporti di forza non sono stati ancora delineati in maniera perfetta. D’altro canto, però, il sette allenato da Saro Cappello, sebbene reduce dalla convincente performance di sabato scorso sul parquet del Reggio Calabria, in cui ha portato in casa, in maniera insperata, un punto, deve fare i conti con un bel po’ di infortuni e con alcune defezioni programmate. Il tutto, insomma, rende la sfida ancora più effervescente in considerazione del fatto che dall’altra parte della barricata ci sarà un Palermo che non intende fare alcun tipo di sconto e che ha bisogno di punti per proseguire la propria rincorsa verso la vetta (allo stato attuale occupata dall’altra squadra palermitana del Cus). “Ma abbiamo comunque dimostrato – dice il tecnico Cappello – che, nonostante i problemi all’organico, chi è sceso in campo lo ha fatto con determinazione e, soprattutto, con tanta voglia di vincere. Sono certo che sarà così anche domenica”. La partita prende il via alle 11. “E speriamo – aggiunge il presidente Salvatore Girasa – che possa esserci un sostegno concreto da parte del nostro pubblico. Sono numerosi gli appassionati che siamo riusciti a coinvolgere in questi ultimi tempi e speriamo possano venire alla palestra per sostenerci dal primo all’ultimo minuto. Anche perché quella che si annuncia per domenica mattina sarà una partita tutt’altro che semplice. Noi partiamo da sfavoriti. Ma abbiamo dimostrato che riusciamo a giocarcela con chiunque. E cercheremo di mettere in moto la nostra voglia di fare pure in questa occasione”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email