Lo Sprar per minori “La Pineta” si aggiudica la seconda edizione del “Torneo Arcobaleno”

CANICATTINI BAGNI – Dal terzo posto della prima edizione, lo scorso anno, al primo posto conquistato nel giorno dell’Epifania, al Palazzetto dello Sport di Canicattini Bagni, nella 2° edizione del “Torneo “Arcobaleno” di calcio a 5, organizzato dall’impresa sociale Passwork presieduta da Sebastiano Scaglione (con la sua comunità alloggio “Casa Aylan” per m.s.n.a.,  i Centri Sprar “Obioma” che gestisce, quello per donne vittime di tratta a Canicattini Bagni, e per ragazzi maggiorenni a Floridia, insieme al Cpsa “Capocorso” per ragazze m.s.n.a.), in collaborazione con l’Assessorato allo Sport del Comune canicattinese, l’Associazione “La Pineta”, e le realtà sportive cittadine, Asd Canicattinese e l’Asd Canicattini.

La formazione dello Sprar “La Pineta” per minori non accompagnati di Canicattini Bagni, gestito dall’Associazione “La Pineta”, si è aggiudicata la finale, con il risultato di 3-2, in un’avvincente gara contro i vincitori della scorsa edizione, il Cpsa “Oasi Don Bosco” di Noto, quest’anno ad un passo dal bis.
Alle loro spalle, al terzo posto, la seconda squadra dello Sprar “La Pineta”, mentre il quarto posto se l’è aggiudicato il giovanissimo quintetto della Comunità alloggio per minori non accompagnati “Albachiara” di Floridia.

Come sempre, in un bellissima e partecipata giornata di “sport e integrazione”, ma soprattutto di festa e rafforzamento del sistema di accoglienza nato nella cittadina iblea, sono stati il Sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, e l’Assessore allo Sport, Seby Cascone, a premiare i vincitori e le squadre partecipanti, ben 12 in questa edizione, con addirittura la prima squadra femminile di migranti, quella delle ragazze di “Capocorso”.

La manifestazione, curata dai Direttori della comunità per minori “Casa Aylan” e dello Sprar per minori “La Pineta” di Canicattini Bagni, rispettivamente, Cesare Salonia e Ada Nobile, dal 23 Dicembre al 6 Gennaio, ha animato le festività natalizie a Canicattini Bagni, con 24 incontri, più di 100 reti, oltre un centinaio di ragazzi e ragazze calciatori impegnati in 12 squadre suddivise in tre gironi (Real Minorca, Asd Canicattini, Sprar minori C.B., Sprar “Obioma” Floridia, Asd Canicattinese, Cpsa “Oasi Don Bosco”, Comunità per minori “Albachiara” Floridia, Sprar “La Pineta” 2, Sprar “La Pineta” 1, Raimbow Team, Casa “Aylan”, Cpsa “Capocorso”).

«Ancora una volta – ha sottolineato Cesare Salonia – sport e integrazione sono stati un connubio inscindibile nel percorso di accoglienza che da anni vede protagonista la città di Canicattini Bagni, la sua Amministrazione comunale, che ringraziamo per la fattiva collaborazione, così come le realtà calcistiche locali, dall’Asd Canicattini all’Asd Canicattinese, e le altre strutture che ospitano migranti, con le quali abbiamo imparato a camminare insieme, con l’obiettivo unico di guardare al futuro di questi ragazzi che si sono lasciati tutto alle spalle. Un grazie agli arbitri, al mister Mimmo Speciale, ad Alessandro Sipala, a Paolo Mangiafico, a tutto lo Sport, al Sindaco Amenta, all’Assessore Cascone, ai colleghi operatori delle strutture partecipanti e naturalmente ai cittadini canicattinesi».

La prima edizione del “Torneo Arcobaleno” di Passwork, lo scorso 13 Dicembre è  stata ritenuta dal Coni e dal Ministero per il Lavoro e delle Politiche Sociali, tra le migliori 10 “buone prassi” a livello nazionale, meritevoli di riconoscimento per il 2016 nell’ambito del Meeting nazionale “Sport e Integrazione”, venendo premiata nel corso della manifestazione al Circolo del Tennis – Foro Italico – a Roma, alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, e del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti.

Print Friendly, PDF & Email