Ragusa. La Mattina (delegato provinciale F.I.G.C. L.N.D.): “Estremamente soddisfatto dagli esiti dell’assemblea”

RAGUSA – “Sono estremamente soddisfatto – dichiara il Geom. Claudio La Mattina, delegato provinciale F.I.G.C. L.N.D. Ragusa – dagli esiti di un’assemblea che ha segnato lo start up della mia esperienza alla guida della F.I.G.C. Iblea e del rapporto nuovo che voglio con ognuna delle componenti del nostro calcio. Ed il fatto di avere deciso, sostenuto da chi mi collabora, di avere al tavolo non solo il VicePresidente Nazionale L.N.D., Dott. Sandro Morgana ed il Presidente Regionale F.I.G.C., Ing. Santino Lo Presti ma anche quattro ragazzi che rappresentano il calcio giocato ed Andrea Battaglia, numero uno degli arbitri iblei, ha voluto significare la mia assoluta convinzione che il calcio, per crescere, ha bisogno di condivisione e sinergia fra ognuna delle sue componenti.
Fra quei quattro ragazzi -ringrazio loro per esserci stati e le loro società- una menzione particolare la dedico a Mohamed Susso, della ‘Criscione Lupis’ che giocherà il prossimo campionato di III categoria. Mohamed, assieme ad altri ragazzi che sono ospiti del ‘centro rifugiati’ di Ragusa, è il segnale tangibile dell’universalità del nostro, meraviglioso sport e di come esso sia il miglior tramite per una vera integrazione. Ringrazio poi le tante società presenti in questa prima assemblea, egregiamente presieduta dal nostro giudice sportivo, l’avvocato Katia Baglieri”.
Non è stato solo un momento protocollare; – conclude il Geom. Claudio La Mattina, delegato provinciale F.I.G.C. L.N.D. Ragusa – ho ascoltato con grande interesse le parole espresse dai rappresentanti delle società sia prima che durante l’assemblea. Tematiche e problematiche che vogliamo affrontare per crescere; suggerimenti che cercheremo di fare diventare ‘stella polare’ del nostro lavoro perché il calcio in questa Provincia si ampli sempre di più. Grazie poi a Sandro Morgana e Santino Lo Presti. I loro accorati interventi nel raccontarci cos’è oggi il calcio dilettantistico siciliano e nazionale, sono stati ‘toccasana’ e sprone per lavorare.
Quello che è emerso, è che abbiamo strada da fare e ogni suggerimento può essere utile. Ma sappiamo bene dove vogliamo arrivare e perché vogliamo farlo. Sono principi ineluttabili del nostro lavoro. Su questo, lo fonderemo giorno dopo giorno. Siamo vicini alla composizione del girone di III categoria. Un primo step a certificare i nostri obiettivi. Ma solo un primo atto, nulla più, per un progetto più ambizioso che ci deve portare oltre e ci deve dare la consapevolezza che Ragusa, la nostra Provincia, la nostra Delegazione, può essere un esempio da seguire. Non sarà semplice ma, dopo ieri sera, dopo aver visto il Chiostro delle Grazie pieno, dopo avere sentito le parole dei Presidenti Morgana e Lo Presti, dopo avere ascoltato l’entusiasmo dei quattro ragazzi e le parole pronunciate da Andrea Battaglia, sono sempre più convinto che il new deal del calcio ibleo, è cominciato” .

Print Friendly, PDF & Email