Sport: Catania capitale internazionale del Triathlon con il “Trofeo del Mediterraneo”

Presentata in Municipio la gara internazionale che si svolgerà domenica 25 ottobre nel lido Le Capannine. L’assessore allo Sport Scialfa: “E’ anche sul binomio sport e turismo che vogliamo puntare per creare benessere e occupazione”, il presidente nazionale Triathlon Bianchi: “Catania città che si presta a eventi di livello internazionale”

Catania, 23 ottobre 2015 – Gli atleti ai vertici della classifica mondiale del triathlon, 75 uomini e 50 donne, gareggeranno domenica 25 ottobre nel “Trofeo del Mediterraneo” (Mediterranean Triathlon Championship) che si svolgerà nel Lido Le Capannine.
Ad annunciarlo, nel corso di una conferenza stampa nel Palazzo degli Elefanti, l’assessore allo Sport Valentina Scialfa e i presidenti nazionale e regionale del Triathlon, Luigi Bianchi e Mario Lombardo. Erano presenti all’incontro con i giornalisti anche il consulente del Sindaco Bianco per le Politiche sanitarie Francesco Santocono, il consigliere nazionale del Coni Orazio Arancio, il direttore del reparto di Rianimazione dell’Ospedale Garibaldi Sergio Pintaudi con il dottore Ignazio Bellanuova, diversi rappresentanti di enti e associazioni coinvolti.
L’evento sportivo, nato nel 2014 come circuito di gare interno ai paesi del bacino del Mediterraneo, vedrà quest’anno a Catania la finale della seconda edizione, dopo le tappe di Antalya in Turchia e Loutraki in Grecia. Gli atleti si confronteranno nel nuoto (750 metri), nel ciclismo (20 chilometri), e nella corsa (5 chilometri). Nella start list figurano campioni provenienti da 17 nazioni, molti dei quali protagonisti assoluti alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016.
“E’ un grandissimo privilegio – ha detto l’assessore Scialfa – ospitare la tappa finale di un trofeo internazionale che vede coivolti più di 150 atleti in un contesto, quello del Mediterraneo, che ‘Catania città dell’accoglienza’ questa volta vuole ricordare con un evento sportivo. Mi auguro siano in tanti ad assistere alle gare, catanesi e anche turisti per ammirare le bellezze del nostro territorio. E’ sul binomio sport e turismo che l’Amministrazione, per volere del sindaco Bianco, vuole puntare per creare benessere e occupazione”.
“Il nostro circuito – ha sottolineato Bianchi – è appena nato ma sta già dando i primi importanti risultati con l’adesione di atleti provenienti da sempre più nazioni, non solo del Mediterraneo: dal Portogallo alla Bielorussia, dalla Croazia alla Francia agli Stati Uniti. Abbiamo scelto Catania perché è una città che si presta particolarmente, anche per la sua posizione geografica e il clima, a eventi di livello internazionale”.
L’organizzatore Lombardo ha spiegato nel dettaglio le modalità di svolgimento delle tre gare: alle ore 8 ci sarà l'”open” con i migliori atleti mondiali, alle ore 11 la gara elite donne e alle 13 la elite uomini.
Da quest’anno inoltre, come ha ricordato Orazio Arancio, “nelle gare si otterranno i punti ITU, fondamentali per un atleta elite per la partecipazione alle Olimpiadi”.
Il direttore Pintaudi si è soffermato sul tipo di servizio che l’Azienda sanitaria Garibaldi offre agli atleti, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana. Si tratta di un “percorso sanitario” messo a punto in altre occasioni, “e di cui hanno poi usufruito i cittadini e anche i migranti”, e che prevede strutture di rianimazione sul luogo delle gare, con tre equipe mediche coordinate dal dottore Ignazio Bellanuova, un servizio ambulanza gestito dalla Croce Rossa e infine la struttura ospedaliera.
La manifestazione sarà ripresa da Rai Sport e Sky e mandata in onda in differita. Le nazioni rappresentate al Trofeo del Mediterraneo saranno: Italia, Portogallo, Francia, Croazia, Spagna, Israele, Polonia, Lettonia, Irlanda, Finlandia, Svizzera, Danimarca, Olanda, Bielorussia, Stati Uniti, Austria, Ungheria.

Print Friendly, PDF & Email