29 Novembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Torino. Thissen Krupp e pene sospese.

2 min read

Torino. 5 dicembre 2020
Tra il 5 e il 6 dicembre del 2007, a Torino, presso lo stabilimento Thyssen Krupp, nel turno di notte, una serie di scintille prodotte da olio nebulizzato, hanno scatenato un inferno, una nuvola di fuoco di oltre 15 metri, ha trasformato 7 operai in torce umane, nel giro di pochi giorni, tra sofferenze atroci, sono morti tutti. Stamattina alle 8,30 su Rai radio 1, nel corso della trasmissione di approfondimento “Inviato speciale”, è stato ripercorso, con l’ausilio di numerose testimonianze, tra cui operai della stessa ditta, il tristissimo e drammatico momento che ha portato dolore e lutti e ha segnato la città di Torino. Tra le testimonianze, la più toccante quella di una mamma che, con la voce rotta dal pianto, raccontava come il proprio figlio, nei giorni che hanno preceduto la tragedia, avesse manifestato le sue perplessità e la paura, per ciò che il ragazzo denunciava come – totale assenza di sicurezza in quello stabilimento e tra i macchinari. – Ma nonostante le preghiere che gli rivolgeva la mamma, supplicandolo di lasciare il lavoro, il poveretto non ha voluto seguire il consiglio ed è morto pochi giorni dopo, arso vivo. Le indagini si sono concluse in meno di novanta giorni, dopo 5 gradi di giudizio, 28 giudici, 10 p.m. la Corte di Cassazione, con sentenza definitiva del 16 maggio 2016, ha confermato le pene inflitte agli imputati. Quelli di nazionalità italiana hanno scontato subito la pena, l’amministratore delegato condannato a 9 anni e 6 mesi e il direttore generale condannato a più di 8 anni, in qualità di cittadini tedeschi, si sono appellati ricorrendo all’autorità giudiziaria tedesca. Gli accordi internazionali siglati dai Paesi vicini, consentono di eseguire in Germania massimo 5 anni di reclusione. Nello scorso luglio, il direttore generale ha fruito del regime di semilibertà, ma l’amministratore delegato si è appellato ancora alla Corte Federale, ottenendo la sospensione della pena. Questo continua a bruciare ancora, così come bruciò 13 anni fa, la Thyssen Krupp e i suoi dipendenti.
Tra gli ospiti della trasmissione radiofonica di stamattina, “Inviato speciale”, anche il Magistrato di Cassazione Bruno Giordano.
Giordano, che oltre ai numerosi impegni si occupa per sua stessa scelta del mondo del lavoro e degli abusi che nello stesso frequentemente avvengono, ha espresso una sua personale riflessione che lascia il segno – basta spostarsi di poche centinaia di chilometri dall’Italia e la pena viene dimezzata. –
Parole queste, che dette da un Magistrato dello spessore di Bruno Giordano, pesano quanto un macigno e lasciano spazio a ciò che comunemente noi tutti, definiamo: un grande senso di (in)giustizia.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share