26 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

TRASPORTO DISABILI A GELA, SOSPENSIONE DEL SERVIZIO

2 min read

Riceviamo e pubblichiamo. Lettera inoltrata al prefetto e al sindaco di Gela da parte del sindacato nazionale ISA.

l’A.I.A.S. Sezione di Gela ha comunicato l’ interruzione del servizio di trasporto a decorrere dal 02/05/2021 che inevitabilmente comporterà la riduzione dei lavoratori addetti riservandosi, successivamente, di comunicarne tempi, modalità e personale interessato alla riduzione. In un momento così delicato a causa dell’ emergenza da COVID-19, ragion per cui parecchi lavoratori del nostro territorio stanno già usufruendo di ammortizzatori sociali a causa della sospensione del proprio rapporto di lavoro, sembra del tutto surreale che ulteriori posti di lavoro vengano messi a rischio e, per la fattispecie di cui si parla, di quelli che sono addetti al servizio di trasporto organizzato dall’ A.l.A.S. di Gela, che apprendiamo a mezzo stampa, tìno ad oggi ha garantito il servizio a circa 80 utenti giornalmente con oneri interamente a proprio carico. Il servizio di che trattasi oltre che obbligatorio, essendo stato istituito dalla L.R, 68/81 e regolamentato dalle successive LL.RR. 16/86 e 33/91, rientra altresì tra quelli che garantiscono 1’ attuazione dei diritti costituzionalmente garantiti (quale è quello della Salute tutelato dall’ art. 2 della costituzione) pertanto rientra tra i cosiddetti diritti essenziali ai sensi e per gli effetti della L. 146/90 che i Comuni sono obbligati a garantire con le modalità previste dalla normativa vigente. Fatta questa breve e doverosa premessa, ritenendo che il servizio di trasporto dei soggetti disabili che frequentano il centro di riabilitazione A.I.A.S. non può essere negato agli aventi diritto, con la presente si chiede alla S,V. un autorevole intervento al fine di convocare una riunione congiunta con i destinatari della presente, al ìine di prevenire in primo luogo il “disorientamento” di tutti quegli assistiti che usufruiscono del servizio di trasporto che non potrebbero più raggiungere il Centro di Riabilitazione AIAS con l’ operatore economico che da anni gli ha garantito l’accompagnamento ed in secondo luogo l’insorgere di “tensioni sociali” tra i lavoratori, a causa della perdita del posto di lavoro (di cui questo territorio non ne ha di cerio bisogno) che inevitabilmente l’ interruzione di tale servizio comporterà”.

(Carmelo Cassia, segretario nazionale ISA).

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share