Fondazione Grimaldi – U.O.C. di Psichiatria, doppio evento all’insegna della cultura e dell’inclusione sociale

MODICA – L’Unità operativa complessa di Psichiatria di Modica dell’Asp 7 di Ragusa e la Fondazione Grimaldi, in collaborazione con il Comune di Modica, la Fondazione Teatro Garibaldi e l’Associazione di volontariato “Ci siamo anche noi”, nell’ambito di un progetto di riabilitazione basato sull’inclusione sociale e la partecipazione ai laboratori artistico-creativi, organizzerà una mostra fotografica e uno spettacolo teatrale dedicati alle sorelle Concetta e Francesca Grimaldi, con la partecipazione dei pazienti del locale centro diurno di Psichiatria.

La storia delle sorelle Grimaldi è stata raccontata dalla studiosa Teresa Spadaccino in un bel libro pubblicato per la prima volta nel 1998 e più volte ristampato. La vicenda delle nobildonne – costrette forzatamente a entrare in convento da piccole ma capaci poi di ribellarsi alla volontà del genitore, fondatrici nella prima metà dell’Ottocento di ospedali, enti d’istruzione e di beneficenza – si è prestata, attraverso la narrazione teatrale e il linguaggio fotografico, a una riflessione sulla complessità della soggettività e dei sistemi familiari e sociali.

La mostra dal titolo “Concetta e Francesca Grimaldi: dentro e fuori si moltiplicano gli specchi”, a cura di Elisabetta Rizza, sarà allestita a Palazzo Grimaldi dal 1° al 18 aprile e potrà essere visitata dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle 20.00 (inaugurazione venerdì 1°, ore 17.30). Gli scatti di Maria Grazia Buscema, Monica Campailla, Gaetano Di Rosa, Giovanni Galfo e Sergio Angelo Scivoletto racconteranno i luoghi di vita della famiglia Grimaldi. In occasione dell’inaugurazione Giuseppe Barone, storico e presidente della Fondazione Grimaldi, traccerà un breve profilo storico-biografico delle sorelle Grimaldi.

Sabato 9 aprile alle ore 21.00 nel Teatro Garibaldi andrà in scena lo spettacolo “La legge invisibile”, sulla vita delle sorelle Grimaldi, scritto e diretto da Ruben Ricca, con la partecipazione del Laboratorio di Teatro-terapia e il coordinamento organizzativo di Alessandra Barone ed Elisabetta Rizza (info prenotazioni e botteghino 0932 94 69 91).

«Da anni il Centro diurno dell’Unità di Psichiatria di Modica – spiega Alessandra Barone, sociologa dell’Asp, ideatrice e coordinatrice del progetto – sperimenta, accanto ai percorsi riabilitativi tradizionali, anche progetti culturali più ampi, in collaborazione con enti e istituzioni, ispirati allo studio e alla conoscenza del territorio: il nostro territorio, ricco di valenze storiche, artistiche e culturali, da cui i pazienti provengono e dove si cerca di reintegrarli con il più alto livello di partecipazione possibile». «In particolare quest’anno – continua la sociologa – il progetto ha coinvolto i pazienti nei laboratori riabilitativi di teatro-terapia e di fotografia per lo sviluppo dei processi artistico-creativi e l’acquisizione dei codici espressivi che ampliano il circuito sociale della comunicazione; il rafforzamento delle collaborazioni tra l’Asp e gli enti partner nell’ottica della condivisione dei processi di cura e d’inclusione sociale, nonché la valorizzazione della nostra storia e la sensibilizzazione della popolazione sui temi della salute mentale».

Print Friendly, PDF & Email