L’ex ferrovia Alcantara – Randazzo diventerà una greenway

Sabato 12 dicembre presentazione dell’accordo di programma con Rete Ferroviaria Italiana

CASTIGLIONE DI SICILIA (Catania) – Un  accordo di programma con RFI , finalizzato alla valorizzazione e riuso della tratta ferroviaria dismessa Alcantara – Randazzo.  Questo il tema dell’incontro in programma sabato 12 dicembre 2015 alle ore 09.30 presso i locali del  Centro di Educazione Ambientale del Parco fluviale dell’Alcantara di Castiglione di Sicilia (ex Ospedale San Giovanni di Dio).  L’Ente Parco dell’Alcantara si è fatto promotore del progetto per la trasformazione del tracciato ferroviario in un “percorso verde” e che fa seguito ad alcuni incontri già avuti con la direzione di Rete Ferroviarie Italiane a alermo che ha manifestato interesse all’iniziativa.” L’obiettivo dell’ Ente è quello di  costruire una sinergia e un coordinamento dei servizi offerti in favore del turismo e dello sviluppo sostenibile. I rapporti di collaborazione tenderanno al raggiungimento di obiettivi di sviluppo turistico locale e  alla promozione del Territorio” – dice il commissario del Parco Giuseppe Morano . All’incontro parteciperanno gli assessori regionali Maurizio Croce ( Territorio), Anthony Barbagallo ( Turismo), nonché i sindaci dei comuni del comprensorio alcantarino ed etneo. La tavola rotonda, organizzata unitamente all’Amministrazione comunale di Castiglione di Sicilia, con in testa il sindaco Salvatore Barbagallo, vuole essere una occasione di riflessione sulle prospettive future della ex tratta ferroviaria che collegava la costa ionica al comprensorio dell’Etna Nord. Al momento l’unica soluzione possibile sembra quella di trasformare il vecchio tracciato ferroviario in una pista verde, appunto chiamata greenway, che attraversa l’area del Parco dell’Alcantara, tra suggestivi paesaggi e borghi storici e che potrebbe dare un importante input al turismo escursionistico (trekking, mountain bike, ecc. ). in tutto il territorio, attraverso anche il recupero delle ex stazioni e caselli ferroviari.

Print Friendly, PDF & Email