Milano, turismo. Pisapia: “Città metropolitana e rete degli alberghi insieme per Expo”

Milano, 17 marzo 2015 – Il progetto “La Milano che conviene” si pone l’obiettivo di costituire un sistema turistico, commerciale e congressuale nell’area a nord di Milano durante e dopo Expo. I numeri di questa rete sono per un totale di 15 alberghi, 740 camere e circa 1400 posti letto sul territorio dei 19 Comuni dell’Alto Milanese.
Il progetto di oggi è uno dei primi atti concreti della Città Metropolitana milanese. Il territorio metropolitano si prepara all’inizio di Expo mettendo in rete le imprese alberghiere dell’Alto milanese per dare slancio alla ricettività turistica. Possiamo contare su punti di forza notevoli: dal turismo congressuale che si colloca ai primi posti al mondo; al turismo culturale con un’offerta sempre più ampia e articolata, fino a quello legato alla natura e all’ambiente che sta crescendo grazie alla valorizzazione di tanti siti naturalistici”. Lo ha affermato il Sindaco di Milano e della Città Metropolitana Giuliano Pisapia intervenendo alla conferenza stampa “La Milano che conviene”. “Con questo progetto diamo un segnale della funzionalità della Città Metropolitana, che però – ha aggiunto Pisapia – ha bisogno di un sostegno forte anche da parte del Governo con decisioni precise che mi auguro arrivino in fretta, così come chiesto anche dal Coordinamento Anci per le Città metropolitane”.
L’Alto Milanese, realtà fondamentale della Città metropolitana, oggi non solo partecipa con la rete degli alberghi, ma si propone con una vasta rete di eventi, finalmente legati tra loro grazie a ‘La Milano che conviene’ che entra nel circuito di Expo in Città, il più grande palinsesto di eventi mai creato e che animerà la Città metropolitana nei sei mesi dell’Esposizione Universale. Questo significa far sentire i cittadini di tutti i comuni davvero parte integrante di un unico progetto. La strada giusta da seguire è proprio quella di coinvolgere l’intero sistema territoriale attraverso la collaborazione tra soggetti pubblici e privati”, ha concluso il Sindaco Pisapia.

Print Friendly, PDF & Email