Ragusa. Turismo 2.0 e web marketing: ieri il seminario di approfondimento promosso dal marchio d’area “Viaggio negli Iblei”

MIGLIORARE L’OFFERTA TURISTICA DEGLI IBLEI TRA WEB MARKETING E TURISMO 2.0. IERI A COMISO IL SEMINARIO PROMOSSO DAL MARCHIO D’AREA “VIAGGIO NEGLI IBLEI”

Ragusa, 29 maggio 2014 – E’ dal web, se usato adeguatamente, che possono arrivare tutte le migliori opportunità per potenziare l’offerta turistica locale, incrementandone i risultati finali. Sono le nuove sfide del web marketing e del mobile, sempre più pane quotidiano non solo per i tour operator e le strutture ricettive ma anche per i clienti. Le ricerche più recenti hanno dimostrato che il “viaggio fai da te” parte proprio dal web e il numero di turisti che lo costruisce dinnanzi al monitor e non più in agenzia, è sempre crescente. Ecco perché occorre saper utilizzare questi strumenti. Le opportunità per l’area iblea sono numerose potendo contare su un appeal che è il territorio stesso, tra colline piene di carrubi e muretti a secco, mare limpido e sabbia dorata, monumenti barocchi patrimonio dell’Umanità e un’offerta enogastronomica d’eccellenza come poche altre realtà del Sud Italia. Tutti gli ingredienti di qualità che permettono, se si usano web e social nella giusta direzione, di avviare una fase di promozione con costi ridotti e grande efficacia. E’ quanto emerso ieri sera al seminario formativo promosso dal marchio d’area “Viaggio negli Iblei” che ha visto una larghissima partecipazione presso la Fondazione Gesualdo Bufalino di Comiso. Un confronto a tutto campo con esperti del settore pronti ad offrire informazioni e utili suggerimenti all’interno del progetto promosso dalla Provincia Regionale di Ragusa, oggi Libero Consorzio Comunale. Dopo i saluti dell’assessore comisano Sandra Sanfilippo, ad illustrare brevemente le finalità e ad invitare le imprese ad aderire al marchio sono stati Pietro Esposto, coordinatore del comitato tecnico e Susanna Salerno responsabile del servizio politiche comunitarie e rup del progetto. A raccontare la destinazione e il territorio sul web, suggerendo le linee strategiche da seguire per raggiungere il turista prima che arrivi a destinazione è stato Marco Sajeva, docente dell’Università di Palermo ed esperto web e software solution. Tra strategie di up-selling online, web mobile e booking anche in mobilità, il docente ha ribadito la necessità di adeguarsi alle nuove tecnologie smart per rendere il prodotto turistico dell’area iblea facilmente raggiungibile ed appetibile. Insomma turismo 2.0 a tutti gli effetti. Giuseppe Sansica, web analyst e specialista di web marketing, ha illustrato gli strumenti a disposizione per analizzare i flussi di dati relativi alle pagine internet viste, potendo così ricreare la platea a cui rivolgersi mediante azioni promozionali targettizzate anche attraverso gli strumenti messi a disposizione da un gigante come Google. Turismo social e performance offerte da Instragram al centro della relazione del blogger Alex Massari che ha parlato anche della “destinazione marketing” proprio attraverso i nuovi metodi di promozione, partendo dall’analisi anche di alcuni dati che vedono la pubblicazione continua di foto di vacanze sui principali social network. A concludere è stata Emilie Dall’Olio, marketing manager di Expedia, uno dei portali più importanti al mondo per il turismo online che ha evidenziato il trend in crescita dei turisti che acquistano via internet la propria vacanza, preferendo gli alberghi o le altre tipologie di strutture ricettive, confrontando i prezzi, scegliendo il contesto territoriale. Al termine dell’appuntamento si è avuta una degustazione di prodotti tipici. Il progetto “Marchio d’Area – Viaggio negli Iblei”, vede come ente promotore la Provincia Regionale di Ragusa denominata Libero Consorzio Comunale, ed è programmato nell’ambito del PIST 9 – Linea d’intervento 3.3.1.3 (attività C) del P.O. FESR 2007/2013.

Print Friendly, PDF & Email