21 Ottobre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

VIAGGI ANNULLATI? RIMBORSO CON I VOUCHER

2 min read

Una crisi senza precedenti. L’economia del settore turismo è in  ginocchio. Travolta dagli effetti collaterali del covid-19. In due mesi centinaia di voli  cancellati, viaggi e gite organizzate annullate. Sono migliaia le richieste di rimborso di chi, da mesi, aveva già prenotato e pagato il “pacchetto”. A questo proposito scendono in campo le associazioni del comparto del turismo organizzato: Astoi Confindustria Viaggi, Aidit, Assoviaggi e Fto per fare chiarezza sull’utilizzo dei voucher per i rimborsi da Covid-19. “Occorre fare chiarezza – precisa Tiziana Chessari, titolare dell’agenzia Giron Viaggi – su una vicenda grave che interessa migliaia di colleghi. Da più parti si chiede il rimborso, in  toto, ovvero in soldi, da parte dell’agente. Non è così. In una situazione di emergenza straordinaria si fa riferimento ad un decreto legge ad hoc che spiega nel dettaglio le norme da  adottare”.
Si fa riferimento al Decreto Legge 2 marzo 2020, n. 9, che dispone le misure relative al “Rimborso di titoli di viaggio e pacchetti turistici, all’art. 28, comma 5”. Il decreto recita che “In caso di recesso, l’organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, può procedere al rimborso nei termini previsti dai commi 4 e 6 dell’art. 41 del citato decreto legislativo 23 maggio 2011, n.79, oppure può emettere un voucher, da utilizzare entro un anno dalla sua emissione, di importo pari al rimborso spettante”. Le associazioni di cui sopra affermano che il testo non lascia adito a dubbi circa il fatto che la scelta in merito alle gestione delle conseguenze del recesso dal pacchetto turistico – con l’adozione di una tra le opzioni indicate – è rimessa esclusivamente all’organizzatore (tour operator o agenzia di viaggio) e non al viaggiatore, contrariamente a quanto affermato da alcune Associazioni di Consumatori.

Rimborso o voucher?
Sottolineano le Associazioni.  “l’intento perseguito dal Legislatore italiano risponde all’esigenza precisa e prioritaria di evitare di porre le aziende in default finanziario, consentendo loro di emettere un voucher di valore corrispondente alle somme versate dai viaggiatori in alternativa al rimborso del prezzo”.In pratica, il viaggiatore, non può scegliere quale forma di rimborso avere ma deve accettare la proposta dell’organizzatore, che di solito consta di un voucher da utilizzare entro un anno.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share