25 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Covid e contraddizioni.

2 min read

Vittoria. 26 agosto 2021
La Sicilia tutta, stando alle dichiarazioni rese dal Governatore Musumeci, si appresta a diventare, in compagnia di altre due regioni, zona gialla.
La provincia di Ragusa, con Vittoria in testa, è quella che ha fatto registrare un numero preoccupante di positivi.
Lasciando da parte qualunque retorica o critica, sorgono dubbi legittimi che molti lettori pongono alla redazione e che noi ribaltiamo agli organi istituzionali competenti, ribadisco, non per mera polemica, ma per amore di verità e perché si possa provvedere, qualora ve ne fosse bisogno, a ritoccare i protocolli Asp, Usca e chi più ne ha più ne metta. Mi riferisco a questo primo ente, a cui è collegato anche il secondo, perché ho toccato con mano e sono testimone diretto, di quanta superficialità e molto spesso improvvisazione, si utilizza per gestire utenti disperati che da oltre 40 giorni sono isolati nelle proprie case.
Per fare un esempio che ricalca in toto la maggioranza dei casi, ve ne racconto uno.
Due coniugi, entrambi partite Iva con attività diverse, senza l’ausilio di collaboratori lui e con personale dipendente lei, si beccano il Covid. Stanno in isolamento perché sono persone perbene e dopo 21 giorni, si sottopongono a tampone molecolare, risultando ancora positivi.
Trascorrono altri giorni e si arriva a 40, con entrambe le attività chiuse, quindi improduttive, si rivolgono all’Asp, nello specifico all’Usca.
Formulano delle domande e chiedono informazioni, tra cui: quanto dobbiamo stare ancora in quarantena? Risposta: trascorsi 21 giorni, l’ufficio non esegue tamponi gratuiti e chi è in isolamento, può uscire, secondo proticollo, con la mascherina, può frequentare luoghi all’aperto ma non può andare in luoghi chiusi.
Quindi, se volesse, potrebbe andare pure a lavorare, considerato che chi ha una attività propria, lasciando la porta chiusa, non apparecchia la tavola.
E i tamponi? Ne vogliamo parlare?
Un molecolare, eseguito in un laboratorio privato, ha un costo di 50 euro, se i componenti di un nucleo familiare sono 4, servono 200 euro. Ergo, la gente non si controlla più e va in giro.
A parte l’irridemibilità congenita dei vittoriesi, vogliamo spezzare una lancia anche in favore di questa gente?
Ma che “Razza” di comportamenti sono questi?
Non si potrebbe intervenire sull’assessorato della sanità regionale e sulla presidenza, per rivedere tutto quello che non va?
Auspico che a questo editoriale segua una risposta, la gente è esasperata. Grazie.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share