14 Ottobre 2020

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Elezioni e “tentazioni”.

3 min read

Vittoria. 14 ottobre 2020
Ieri nella città più martoriata del ragusano: Vittoria, un’altra “chicca” si è aggiunta a tutte le altre. Una dichiarazione resa pubblica dal candidato sindaco avvocato Salvatore Di Falco, successivamente pubblicata su Facebook, ha evidenziato, denunciandone i gravi contenuti, che la raccolta delle firme per la composizione delle loro liste, è stata turbata da interferenze dai toni minacciosi, da alcuni supporter del candidato sindaco On. Francesco Aiello. Nonostante le 1.200 firme già raccolte dalla coalizione che appoggia l’avvocato, le persone che si sono rivolte allo stesso, si apprende dal contenuto del video postato sul Social, hanno riferito di gravi minacce, poste in atto dai supporter di controparte, che hanno impedito ad altri di andare a votare, ipotizzando persino “rappresaglie”.
Un termine questo ultimo, che in giornalismo viene utilizzato per descrivere che si può arrivare a subire di tutto, dall’aggressione personale all’incendio doloso, dai condizionamenti alle ritorsioni e tanto altro ancora. Tali circostanze poste in evidenza in questo momento particolare, da un candidato al governo della città, smentite da dichiarazioni rese anche attraverso i Social, dai supporter di entrambe le coalizioni hanno acceso un faro sull’andamento delle elezioni. Oltretutto, un mio commento con cui chiedevo all’amico Di Falco di prendere in considerazione la possibilità di denunciare agli organi competenti questi fatti così gravi; e un altro commento di un candidato al Consiglio comunale dello schieramento dell’avvocato, i cui contenuti dai toni pacati e amichevoli tendevano a ridimensionare il tutto, sono improvvisamente e misteriosamente spariti. Mentre è rimasto quello di un altro candidato al Consiglio comunale, nelle liste di Di Falco, che butta acqua sul fuoco e invita Aiello a non denunciare in Tribunale, come preannunciato dall’ex sindaco, ma a trovare una ricomposizione tra le parti.
Nella serata di ieri, per onestà e per dovere di cronaca, devo ammettere che, tra me e Di Falco, c’è stato uno scambio di idee in chat e la stessa cosa è avvenuta con Ciccio Aiello.
Ma rimane lo stato di fatto, che il sospetto insinuato, è evidentemente talmente grave, che ha attirato l’attenzione dei lettori del mio Giornale e non solo. Tante le richieste di un articolo chiarificatorio che a questo punto ritengo necessario, così come tra l’altro, ho preannunciato a Salvatore Di Falco.
Dal titolo che ho dato a questo mio editoriale, si evince che le elezioni inducono in tentazioni e queste arrivano da tutte le parti.
Ora cosa penso che potrebbe accadere?
Intanto su Vittoria le elezioni sono state rinviate al 22 novembre, nonostante i politologi e gli addetti ai lavori, sostenevano
e sostengono, che potevano essere rinviate ad una data diversa dal 4 ottobre, ma all’interno dello stesso mese. Se quanto sostenuto da queste autorevoli persone, risponde al vero, resta inspiegabile questa inutile perdita di tempo, soprattutto in un momento in cui il Covid è una minaccia reale che potrebbe causare ulteriori ritardi e in considerazione anche della circostanza che la legge vieterebbe la prosecuzione di un commissariamento dopo i 24 mesi.
Prima ipotesi, andiamo alla seconda, se la “mafia” ha sottratto a suo tempo le chiavi per l’apertura dei rubinetti pubblici che consentono di erogare l’acqua alla città, un episodio marginale rispetto all’interesse che potrebbero suscitare le elezioni, impedendo di fatto il mancato funzionamento dell’acquedotto, vogliamo tralasciare di ipotizzare che adesso potrebbe essere attratta da queste intimidazioni per intrufolarsi e mettere le mani sullo svolgimento della competizione elettorale? Come fare a rinunciare ad un piatto così appetitoso, tra l’altro già servito?
E se dovesse accadere questa ipotesi, per quanti anni ancora questa città dovrebbe “non avere una amministrazione”?
Ritengo utile, doveroso, necessario, urgente, che si proceda per la strada giusta, indicando fatti, circostanze, nomi, episodi, che hanno reso protagonisti di queste gravi interferenze, i supporter di Aiello, nei confronti dei supporter di Di Falco.
Non è questo il caso e il momento di lasciare correre. Occorre chiarezza e chi deve pagare paghi, bisogna immediatamente liberare la città dal peso di questo altro grosso macigno che schiaccia i diritti e i doveri dei cittadini.
Ognuno voti per chi vuole, ha un’ampia scelta tra 4 candidati, a mio parere tutte persone rispettabili, ma si arrivi al voto, al più presto e senza ombre e sospetti.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share