13 Ottobre 2020

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Emergenza su tutti i fronti.

3 min read

Vittoria. 5 ottobre 2020
Vittoria è in piena emergenza su tutti i fronti, non ci sono settori esenti dallo stato di emergenza.
Il Covid ha trovato la strada aperta ed è diventato più aggressivo persino rispetto al recente passato che aveva “sigillato” l’Italia; a farne le spese, le scuole, gli uffici e tra poco, se non si interviene, le attività private, quelle i cui titolari non mangiano se non lavorano. Per farla breve, chi paga le spese delle imprudenze altrui, sono sempre e solo i soliti noti.
Gli assembramenti infatti, non solo sono in netto aumento, ma sono assolutamente incontrastati. La gente si muove come se nulla fosse, in massa, attaccata l’uno all’altro, passa chi è preposto ai controlli e non ci fa caso. Comprendo la carenza di organico che accomuna tutti, polizia, carabinieri e polizia municipale, ma non capisco l’indifferenza con cui vengono violate le ordinanze nazionali e regionali.
Altra emergenza, la diffusa microcriminalità che “imperversa” su tutto il territorio, Vittoria e Scoglitti. Sembra quasi che abbiano suddiviso la città in zone e ognuno “domina” di giorno e di notte come vuole. Gimkane a velocità incredibili, testa coda, gare e chi piu ne ha più ne metta. Risse frequenti e violente, palesi violazioni della legge e, se qualcuno “osa” non intervenire, ma solo guardare, viene, in poco tempo,minacciato e assalito.
L’altra emergenza, la consuetudine con cui ogni sera, vengono bruciati quintali di plastica e materiali altamente tossici e inquinanti. Nonostante le segnalazioni di decine di persone che chiamano il numero unico di emergenza, sempre più spesso (è capitato due volte a chi scrive) si sente rispondere: se è un incendio, le passo i vigili del fuoco. Vero è che i pompieri servono per spegnere le fiamme, ma se c’è chi le provoca volontariamente, ha bisogno di essere perseguito dalle autorità competenti, che nulla hanno a che fare con i vigili del fuoco.
E ancora non è finita, le due emergenze che non necessitano di interventi straordinari delle forze dell’ordine, sono: raccolta rifiuti e erogazione dell’acqua potabile. Se è vero com’è vero che l’inciviltà regna sovrana e molta gente smaltisce l’immondizia lanciandola fuori dal finestrino dell’auto in corsa, è altrettanto vero che questo sistema si può e si deve contrastare, con l’utilizzo di telecamere di sorveglianza e con la raccolta, che comunque deve essere fatta, per non fare pagare agli incolpevoli, le responsabilità di altri.
Infine l’acqua, che tutti a ragion veduta definiamo liquido prezioso e indispensabile, non può essere erogata ogni 15 o 20 giorni. Non è possibile che ci sono famiglie di Vittoria, nessuna zona esclusa, che non sentono il rumore dell’acqua che scorre nelle cisterne, da mesi, a meno che non la compra a suon di 60 euro a volta. Questo al mio paese ha un nome preciso, si chiama: sospensione arbitraria di servizio pubblico, a meno che, non vengano sospesw anche le utenze. L’acqua è indispensabile per la sopravvivenza di grandi e piccini.
Alla luce di quanto sta accadendo, considerata l’indifferenza con cui vengono accolte le richieste della gente, che nel 90% dei casi rimangono inevase, tenuto conto dello stato d’animo di chi vive queste situazioni, chiedo l’intervento urgente del Sig. Prefetto di Ragusa, in modo da poter affrontare una problematica che di giorno in giorno diventa sempre più esplosiva.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share