16 Giugno 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Giovani risse alcool e droga. Famiglie e Stato assenti.

2 min read

Vittoria. 30 maggio 2021
È di ieri sera l’ultima notizia di una rissa tra giovani a Scoglitti, è di venerdì notte la notizia dell’atto vandalico con cui sono stati imbrattati i disegni che si trovano nell’area della fontana della pace.
È di tutti i giorni, di ogni ora, la richiesta reiterata dei cittadini nei confronti delle istituzioni, che chiedono controlli e sicurezza.
Tutti discorsi tra “sordi”, tutte parole buttate al vento che ormai non fanno più notizia. Eppure le grida, i colpi di bottiglie sbattute sulle panchine per far si che diventino acuminate e pericolose armi da taglio, li sentono tutti. Le orde di ragazzi del luogo e di centri vicini, che arrivano per creare trambusto, caos e procurare liti, li vediamo tutti, ma nessuno di noi fa nulla.
Le famiglie infatti, prime agenzie educative, avrebbero il compito di sorvegliare, di educare, di punire, ma hanno delegato ad altri questo importantissimo e indispensabile ruolo.
Hanno conferito delega allo Stato, lo stesso Stato che se interviene, viene giudicato severo, ma questo non accade, perchè lo Stato c’è, ma non interviene. A meno che, qualcuno non riesca a spiegarmi e convincermi, come mai, a Scoglitti, dove alloggiano da mesi, decine e decine di militari dell’arma e agenti della polizia, si recano giornalmente in altre città della provincia e non intervengono quando da noi ci sarebbe un gran bisogno.
Mi sembra lo stesso discorso della spazzatura abbandonata, delle fumarole giornaliere con cui vengono bruciate tonnellate di plastica, diossina che respiriamo e della quale stiamo nutrendo i nostri bambini.
Allora basta parlare, bla bla bla bla, basta criticare gli altri e scaricare le responsabilità di tutti noi, mie, tue, dell’altro. Basta ripetere che mio figlio è un angelo e quando esce lo fa per divertirsi, se poi quando torna è ubriaco e strafatto. Assumiamoci le responsabilità che ci competono, torniamo ad essere educatori primari e dopo pretendiamo che lo Stato faccia altrettanto.
Altre soluzioni non se ne vedono all’orizzonte, o ci muoviamo o moriremo vittime della strafottenza, dell’arroganza, dell’ignavia.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share