22 Febbraio 2024

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Giulia Cecchettin come Falcone e Borsellino.

3 min read

Vittoria 24.11.2023 – Giulia Cecchettin come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
I due magistrati assassinati dalla mafia più sanguinaria dell’epoca,che hanno dato una certezza: la consapevolezza che la mafia, è, è stata e sarà, una montagna di m…
Dal momento in cui i magistrati, gli uomini e le donne delle scorte che li proteggevano e, nel caso di Falcone anche Francesca Morvillo, la donna con cui condivideva la vita, sono stati barbaramente assassinati, in Sicilia, le cose sono cambiate radicalmente e repentinamente. La gente tutta, ha avuto la consapevolezza che un gruppo di persone che vive ai margini della legalità, non può dettare legge e uccidere, nel momento in cui le cose non vanno come questi vorrebbero che andassero. Da quegli anni di piombo a oggi, le cose sono cambiate, e come se sono cambiate, anche se, nessuno può affermare che la mafia è stata sconfitta.
Adesso la barbarie si è scatenata nei confronti delle donne, mamme, mogli, compagne o amanti, che per un motivo o per un altro, hanno deciso di porre fine ad una relazione, con l’uomo che pensavano le amasse, ma che le ha assassinate perché non accettavano la fine di un rapporto, di una storia, di un matrimonio.
Così è stato anche per Giulia Cecchettin, la povera ragazza di 22 anni, massacrata a coltellate da un “bravo ragazzo”, quello stesso ragazzo che Giulia aveva scoperto di non amare più e che aveva deciso di lasciare.
Ancora una volta, la povera ragazza, così come è accaduto altre 100 volte, ad altrettante donne, ha deciso di incontrare il “lui” che aveva chiesto un chiarimento. Da quel momento, la poveretta, è rimasta prigioniera di un mostro che, dopo averla picchiata, l’ha uccisa a coltellate, incurante delle grida della vittima che implorava pietà.
Stamattina l’avvocato del carnefice, ancora detenuto in Germania, in attesa di estradizione, diceva che, se la confessione resa agli agenti della polizia tedesca, con cui dichiara di avere assassinato la ventiduenne, non sarà confermata in Italia, questa non avrà valore.
Incredibile ma vero, ma allora perché parliamo di Europea e di Comunità Europea?
Forse per darci un tono?
Aldilà di questa considerazione, l’unico fatto che in qualche modo potrebbe consolare il papà della ragazzina e la famiglia, è la svolta, che secondo lo scrivente, ha preso questa drammatica vicenda. Giulia, ennesima vittima di una violenza inaudita di un soggetto maschile che nulla ha a che fare con un uomo, ha turbato le menti e innescato dubbi che potrebbero portare tanti ipotetici assassini a ripensare ai comportamenti da tenere nei confronti delle donne, che non sono “prede o giocattoli”, e, che il rispetto per la vita altrui, è fuori da ogni discussione. La donna non è una proprietà privata da tutelare, o mia o di nessun altro, è un essere umano sicuramente più intelligente del genere maschile e che va rispettata e tutelata.
Auspico che la morte di Giulia possa essere l’inizio di una nuova era, per migliaia di giovani che sono impastati di un mondo virtuale che esiste solo in rete.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share