10 Aprile 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. La terra trema -epicentro nella costa scoglittiese-.

2 min read

Vittoria. 23/12/2020
Ore 21,27 del 22 dicembre, un boato fortissimo e una scossa di terremoto che ha fatto tremare quasi tutta la Sicilia orientale, anche se in molti centri della Sicilia occidentale, la scossa è stata avvertita, soprattutto nei piani più alti delle case. La paura più forte tra Gela e Vittoria, interessati anche i comuni di Acate, Comiso, Ragusa e Modica, ma rimane Scoglitti, l’epicentro del sisma di magnitudo 4.6 registrato in mare, a poche centinaia di metri dalla costa, ad una profondità di 30 km. Circa 20 minuti prima delle delle 21,27, l’Istituto sismologico di Catania, aveva registrato due lievi scosse di cui si avvertivano all’esterno, solo boati paragonabili a tuoni ascoltati in lontananza.
Per fortuna, le caratteristiche del sisma, sussultorio e la durata, poco più di 10 secondi, anche se sono sembrati interminabili, ha fatto si che non si registrassero danni a cose o persone. Dai dati in nostro possesso, solo a Comiso, una delle più belle chiese ha subito lievi danni alla facciata, mentre a Gela, una palazzina a otto piani, ha riportato lievi lesioni, su cui gli esperti stanno valutando. Se il sisma fosse stato ondulatorio, come quello della notte di Santa Lucia di 30 anni fa, con epicentro nel siracusano, certamente oggi saremmo costretti a scrivere e parlare di danni ben più gravi, alle cose e alle persone.
L’Istituto sismologico Nazionale, ha registrato, nelle stesse coordinate in cui si è verificata la scossa delle 21,27, altre due scosse, una alle 0,37 di magnitudo 1.6 e un’altra all’1,39 di magnitudo 1.4 – Altre due scosse invece, entrambe di magnitudo 2.4, sono state registrate alle 6,16 e alle 7,19 nelle isole Eolie. Tutti i movimenti tellurici, sono stati percepiti anche nella vicina isola di Malta, che dista, dal punto più vicino alla Sicilia, circa 60 miglia marine.
Non azzardiamo alcun commento perchè, contrariamente a tutti i novelli “esperti” che giornalmente affollano i Social e sono a conoscenza di tutto, noi non abbiamo le competenze per fare nessun tipo di previsione, ma due considerazioni sono d’obbligo, anche per ricordare ai nostri lettori, che chiunque dopo eventi del genere, come solitamente accade, si “avventura” in commenti fuori luogo, lo fa con la consapevolezza di scrivere o parlare, tramite l’invio di messaggi vocali, solo allo scopo di creare panico tra la gente che in questo momento ha bisogno solo di serenità.
La prima considerazione, che è anche una scienza e conoscenza, è che nessuno può prevedere i terremoti, ma può soltanto, sulla base di dati scientifici, ipotizzare alcune cose.
La seconda è che facendo riferimento esclusivamente a quanto sentito dire in più occasione dagli esperti del settore, in considerazione della circostanza attuale, che ha fatto registrare scosse lievi prima del grande evento sismico delle 21,27, e subito dopo, potremmo azzardare di consigliare a tutti e a noi stessi, di andare a dormire, un pochino più tranquilli.
Con l’auspicio che il virus ci lasci presto e che i terremoti lascino in pace il pianeta terra, vediamo di goderci tra le mura domestiche, queste festività già abbastanza compromesse.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share