18 Luglio 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Le donne della coalizione Aiello sindaco scendono in campo per celebrare il 25 novembre.

2 min read

Vittoria. 25 novembre 2020
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

NOALLAVIOLENZASULLEDONNE
DONNE❤: figlie,sorelle,mogli,madri,nonne, tutti ruoli che nella vita vengono vissuti non sempre in contesti di pace e armonia, ma affrontano spesso tante avversità : per natura, per vocazione e per coraggio. Violenze domestiche, violenze psicologiche, violenze sessuali, abusi di ogni genere, maltrattamenti, forme di schiavitù, sottomissioni, violazione delle libertà personali, limitazioni di accesso alla cultura e all’esercizio di alcune professioni in certe società di cultura maschilista, tratte e sfruttamento della prostituzione, queste sono le forme più diffuse di maltrattamento e violenza di genere. Eppure In tanti eventi traumatici e di calamità varie, le donne hanno dimostrato e dimostrano sempre una grande forza interiore, e una grande capacità di resilienza , una sorta di energia che le incita a non lasciarsi sopraffare, a non “spezzarsi”, ma ad affrontare la sofferenza, facendo leva sul sorriso e sulla creatività. Ed è proprio grazie a questa resistenza alla sofferenza, una forza insita nella stessa natura biologica quale donatrice di vita, che la donna pur nella sua fragilità emotiva , davanti alle difficoltà della vita riesce sempre a rialzarsi e a riprendere in mano la propria vita, con flessibilità creatività e capacità di problem solving.
Ma RESISTENZA E RESILIENZA non bastano, serve una società che riesca a sviluppare alte forme di civiltà che superi e combatta ogni forma di “gap gender” , retaggio di una cultura sessista e causa di forti diseguaglianze, che affidano alla donna ruoli e compiti ben precisi e stereotipati , diversi da quelli affidati agli uomini, ormai desueti e anacronistici . Una società che pertanto si definisce civile, deve soprattutto non permettere più il verificarsi di casi di violenza di genere, ossia ogni atto legato alla differenza di sesso, che provochi danni fisici,sessuali, psicologici e sofferenza nei confronti delle donne, o forme di coercizione e privazioni della libertà nella vita pubblica e privata. Pertanto è importante che le istituzioni : Stato, Scuola e famiglia educhino al rispetto della persona, alla parità di genere e alla diversitá in senso lato, e soprattutto senza distinzione di genere. Domani 25 Novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è importante non spegnere i riflettori su queste violenze, poichè sono gravissime forme di discriminazioni e violazioni dei diritti fondamentali alla vita,forme di violenza assistita da parte di minori( figli) , alla dignità, alla libertà e all’ integrità psico-fisica delle donne.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share