9 Dicembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Ospedale primariato e dubbi.

2 min read

Dura presa di posizione da parte del candidato sindaco Francesco Aiello e di uno dei suoi assessori designati: Giuseppe Fiorellini, della lista Cento Passi, che ha già anticipato il problema a Claudio Fava, Presidente della Commissione regionale antimafia, da cui ha ricevuto assicurazione che, se quanto ipotizzato, dovesse realmente accadere, l’argomento sarebbe oggetto di attenzione e verifica da parte della stessa Commissione che presiede, oltre che della Procura competente.
PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE IL TESTO DEL COMUNICATO STAMPA.

Già da qualche giorno si parla dell’ospedale di Vittoria, struttura sanitaria fortemente penalizzata e depauperata di professionisti eccellenti, assegnati, senza giustificati motivi, ad altre strutture ospedaliere, probabilmente più vicine politicamente a chi ha reso possibili le “operazioni”.
In questo caso l’argomento di scottante attualità, riguarda il reparto di cardiologia, il cui primario, Vladimiro Lettiga, dovrebbe andare in pensione, all’inizio del 2022.
Il condizionale è reso obbligatorio, dalla cortina di silenzio che ricopre l’intera operazione che comunque già sarebbe stata avviata.
Il concorso per l’assegnazione del posto di primario, di quel reparto, che gestisce malati per cui un errore banale potrebbe risultare fatale, è stato indetto per il 27 ottobre p.v.
Fin qui, nessuno scandalo e nessun motivo per sollevare problemi, se non fosse che c’è già chi sostiene e sbandiera ai quattro venti, che il futuro primario di cardiologia a Vittoria, sarà lui.
Lo fa pubblicamente e esistono prove concrete e testimonianze, per questo, del soggetto, si conosce il nome, il cognome, le capacità professionali, gli usi e i costumi. Insomma, come a dire che questo primariato, ancor prima dello svolgimento del concorso, sarebbe già stato assegnato. Si tratterebbe, sempre al condizionale, non per mancanza di certezze, ma per buon senso, di un partecipante in “quota Lega”, per cui già si sarebbe impegnato un esponente locale di spicco del partito di Salvini.
Nel frattempo, gli altri partecipanti, tutti professionisti seri, preparati e competenti, sarebbero messi ai “bordi del campo”, non per capacità, ma per assenza di “padrini” .
Persino la commissione esaminatrice, stando ai si dice dei bene informati che gravitano nelle stanze dei bottoni, sarebbe stata “selezionata”, perché tutto possa procedere senza rischi e senza intoppi.
Ci rifiutiamo di pensare che tutto ciò possa minimamente sfiorare la verità, sarebbe davvero roba da Commissione antimafia, ma se dovesse essere vero, alziamo sin da adesso le barricate e ci poniamo in difesa, dichiarando sin da ora, che la battaglia sarebbe giudiziaria, dura e senza esclusione di colpi.
Oggi è il primo giorno di ottobre, le nostre ipotesi sono pubbliche e chi di competenza, un domani, ne dovrà trarre le conseguenze.
Meditate gente, meditate, la salute pubblica, in vendita per quattro denari.
Vittoria. 1 ottobre 2021
Francesco Aiello
Giuseppe Fiorellini

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share