28 Febbraio 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Zona rossa e CNA. Edilizia accantonata.

2 min read

Vittoria. 28 novembre 2020
RICEVIAMO DA CNA VITTORIA E PUBBLICHIAMO.

Le Microimprese di Vittoria per ripartire hanno bisogno di interventi tempestivi e vigorosi. Le misure di contenimento del Covid hanno provocato ferite ampie e profonde nel corpo economico della città. Per rimetterle in cammino c’è bisogno quindi di una condizione fatta di fiducia e collaborazione tra Istituzioni e Imprese, ma per fare questo serve chiarezza sin da subito.
Per esempio, se prendiamo il settore delle Costruzioni, e in particolare quella parte del comparto che lavora molto con la Pubblica Amministrazione, nell’ultimo periodo è stato penalizzato dalle nuove regole introdotte dal Decreto Semplificazioni (n. 76/2020). Questa norma prevede, per i lavori pubblici, l’affidamento diretto per servizi e forniture fino a 150 mila euro e la procedura negoziata per i lavori superiori a 150 mila euro. Cosa significa? Nel primo caso, cioè con l’affidamento diretto, la Stazione appaltante affida direttamente ad un’Impresa, quindi senza gara, la fornitura di beni o servizi. Nel secondo caso, cioè la procedura negoziata, la Stazione appaltante consulta un numero limitato di Operatori economici con cui negozia le condizioni dell’appalto che viene aggiudicato all’Impresa che ha offerto le condizioni più vantaggiose in base al criterio di aggiudicazione scelto (minor prezzo, minor costo o miglior rapporto qualità/prezzo). Tutto questo avviene senza pubblicazione di bandi, ma con lettera d’invito per lavori che hanno importi che vanno dai 150 ai 350 mila euro. Sia nel primo che nel secondo caso l’Ente seleziona le attività da un elenco costituito e aggiornato dalla Stazione appaltante. E’ evidente che se questo elenco non viene ciclicamente rinnovato verranno scelte o invitate sempre le solite Imprese. Sicuramente la norma semplifica le procedure burocratiche, ma non essendoci un bando – perché l’appalto verrà concesso in modo diretto a un’Impresa (affidamento diretto) o per lettera inviata a poche Imprese (procedura negoziata) – si può dire che vengono meno alcuni principi di trasparenza? Tutto questo per lavori fino a 350 mila euro.
La CNA ha già chiesto alla commissione straordinaria il rinnovo dell’elenco delle Imprese di fiducia del Comune perché molte attività registrate hanno cambiato ragione sociale oppure si sono cancellate dalla Camera di Commercio. Quindi, attualmente, l’albo vede la presenza di pochissime attività. In questo caso verrebbe meno il criterio di rotazione degli inviti sia diretti che negoziati. Secondo la nostra organizzazione, è opportuno aggiornare direttamente oppure prevedere un nuovo bando che rinnovi complessivamente l’albo.

Infine, il presidente territoriale, Giuseppe Santocono, ha voluto sottolineare come il Decreto semplificazioni preveda troppa discrezionalità da parte degli Enti appaltanti. Questo potrebbe causare una conseguente assenza di controlli e limitare la libera di concorrenza. Tutto ciò, oltre a vanificare la norma, rischierebbe di tenere lontane tante Microimprese del settore interessate a lavorare con gli Enti pubblici.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share