19 Novembre 2020

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria zona rossa? Lo Stato dichiara la resa? Le conclusioni di un “cretino”…

3 min read

Vittoria. 21 ottobre 2020
In premessa mi corre l’obbligo, onde evitare di essere chiamato per chiarimenti, scritti o verbali, che il “cretino” sono io: Giovanni Di Gennaro, Direttore responsabile di questo Giornale online.

Ho appreso pochi minuti fa, mentre vedevo e ascoltavo il Tg Sicilia della Rai, edizione regionale delle 14,00, che tra poco, esattamente alle 17,00 presso la Prefettura di Ragusa, si svolgerà la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Stando a quanto riferito dal collega inviato a Vittoria, che parlava dalla centralissima Piazza del Popolo e che ha anche intervistato Gino Puccia del mercato ortofrutticolo e Guseppe Drago dell’Asp di Ragusa, nel corso della riunione, si dovrà decidere se dichiarare Vittoria “zona rossa” a causa degli oltre 200 contagiati, l’inviato Rai ha dichiarato 207 e ha aggiunto, su una popolazione di 63.000 abitanti. Una percentuale dunque, quella dei positivi e/o contagiati, chiamiamoli come vogliamo, pari allo 0,03 ammesso che sia riuscito a fare bene e a scrivere altrettanto bene la percentuale dei positivi, visto che la matematica non è il mio forte e ammesso che la popolazione sia attestata sui 63.000 abitanti. Senza nulla contestare al collega della Rai che svolge egregiamente il suo ruolo, vorrei ricordare a tante persone, me compreso, che i numeri degli abitanti salgono e scendono, a seconda delle occasioni e delle esigenze. Ci sono momenti infatti, in cui conviene alzare il numero degli abitanti, e altri in cui conviene abbassare lo stesso; ma questo è un dato che conta poco. In ogni caso, nel 2017, a Vittoria erano 64.000 gli abitanti, oggi, considerando gli stranieri regolari e residenti, ci attestiamo intorno ai 68.000.
Se confrontiamo i dati fin qui riportati, con quelli che aggiungo, il solo pensiero di potere dichiarare Vittoria zona rossa, fa venire la pelle d’oca.
Quali sono i Comuni siciliani dichiarati zona rossa: Randazzo, in provincia di Catania, 10.260 abitanti, 157 positivi; Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento, 5.600 abitanti, 55 positivi; Mezzojuso in provincia di Palermo, 2.800 abitanti, 24 positivi; Galati Mamertino, in provincia di Messina, 2.000 abitanti, 88 positivi.
Alla luce di questi altri dati certi e resi pubblici da tutti gli Organi di informazione, le domande che mi pongo sono due e sono ben visibili leggendo il titolo di questo editoriale: a che pro dichiarare Vittoria zona rossa? Ciò avrebbe solo un senso, se lo Stato si fosse arreso, come ipotizzo nel secondo interrogativo.
Ma lo Stato in quanto tale, non può arrendersi, anche se, a vedere ciò che è accaduto in una parte molto conosciuta dell’Italia, fa rizzare i capelli in testa. Infatti, l’intervento di polizia municipale e carabinieri, tendente a impedire a un gruppo di ragazzini, non di mafiosi armati di mitra, pistole e bombe a mano, che giocavano a pallone in mezzo alla strada pubblica, in barba alle disposizioni imposte dal DPCM governativo, senza alcun presidio sanitario, si è concluso con la fuga in auto delle forze dell’ordine e con i ragazzini che li inseguivano a sassate. Consentitemi di scrivere liberamente e democraticamente, anche se è evidente che la democrazia nel nostro Paese è in crisi, che lo Stato si è arreso.
Anche a Vittoria lo Stato si vuole arrendere? Cosa c’è che impedisce allo Stato di potenziare ora, subito, con estrema urgenza, con l’invio di unità dell’esercito italiano, i nostri presidi di carabinieri, polizia di Stato e polizia municipale, metterli sulle strade e impedire di violare palesemente le disposizioni imposte? Perchè si deve mettere in forse la votazione democratica che è l’unica che può ridare un governo eletto dal popolo a questa città? Cosa c’è dietro e sotto a tutto questo? Non è possibile, non posso credere a me stesso, dopo una vita di avere creduto nelle istituzioni, nella magistratura, nei rappresentanti delle forze dell’ordine, dopo tutto quello che ho “accettato e in cui ho creduto fino a ora”, è una volgare bugia? Frutto della mia fantasia? Non mi rassegno, io e la stragrande maggioranza degli abitanti di questa città.
Il “cretino”, che sono sempre io, chiede quindi di prestare molta attenzione nelle decisioni che bisogna assumere, non serve la zona rossa o il coprifuoco per impedire a quattro scapestrati di “calpestare” i diritti degli altri e di fare valere le angherie e i soprusi che vorrebbero imporre, altrimenti, se qualcuno ci giudica male, dichiara che i vittoriesi… non abbiamo nessun diritto di ribellarci, dobbiamo solo subire e tacere.
Auspico che prima di agire, si valuti con estrema attenzione ogni decisione da assumere.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share