13 Aprile 2024

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Contrari all’Abolizione delle Distanze: Sud Chiama Nord Interviene sulla Questioni Ambientali a Ragusa

2 min read

Dopo l’ultima seduta dell’Assemblea Regionale Siciliana (Ars) dedicata alle modifiche delle distanze minime per la realizzazione di impianti di rifiuti nei centri abitati, il movimento “Sud chiama Nord,” guidato da Cateno De Luca, esprime il proprio dissenso. La confusione emersa dopo l’approvazione di alcune abolizioni viene ora chiarita, con particolare attenzione al contesto ragusano.La prima certezza è il voto contrario da parte del movimento “Sud chiama Nord,” in collaborazione con i gruppi di Pd e M5S. Tuttavia, è importante sottolineare che l’abrogazione riguarda solo le aree dei centri abitati classificate come zone artigianali o industriali. Le zone E, destinate a uso agricolo, rimangono soggette al divieto di distanza minima di almeno tre chilometri. Questo aspetto è cruciale, specialmente per una provincia come Ragusa, nota per la sua vocazione turistica, agricola e naturalistica.
L’on. Pippo Lombardo del gruppo deluchiano all’Ars, componente della IV commissione Ambiente, territorio e mobilità, commenta il voto: “Abbiamo cercato in tutti i modi di evitare un dietrofront del governo quando a luglio ha proposto e approvato l’applicazione dei limiti previsti dalla L.R. 9/2010 e s.m.i. a prescindere dalla classificazione urbanistica. Il limite dei tre chilometri non è mai stato messo in discussione, ma il governo non ha voluto ascoltare nessuno.
Nel dettaglio, per contrada Lanzagallo tra Ispica e Pozzallo, il vincolo dei tre chilometri resta in vigore in quanto la zona è di tipo agricolo. Nessuna abolizione può essere considerata in virtù di questa modifica normativa. Tuttavia, i sindaci di Pozzallo, Ispica e Modica devono ancora formalizzare i ricorsi annunciati contro l’individuazione della nuova discarica provinciale in contrada Lanzagallo“.
Il consigliere comunale di Ispica, Paolo Monaca, sottolinea che il “vincolo dei tre chilometri rimane intatto e l’attesa è per i ricorsi annunciati. Sud Chiama Nord si impegna a fornire informazioni veritiere e ad interloquire con i rappresentanti istituzionali per garantire risposte concrete alla comunità, considerando la delicatezza della questione sia per la salute pubblica che per lo sviluppo del territorio“.

Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RSS
Follow by Email