21 Aprile 2024

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Il pomodoro essenziale per ridurre il rischio di ipertensione

3 min read

pomodoro bio marzanino

Il pomodoro essenziale per ridurre il rischio di ipertensione. A dirlo è uno studio, pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology: “E’ un’ottima fonte di licopene, un carotenoide che blocca la produzione di angiotensina che regola la pressione sanguigna”

Il pomodoro è una delle verdure essenziali nella dieta mediterranea. È molto consumato durante i mesi più caldi. Originario del continente americano, fu introdotto in Europa dai conquistadores spagnoli. Tuttavia, non venne coltivato a scopo alimentare fino al XVIII secolo, quando cominciò a diventare molto apprezzato per il suo sapore e la sua versatilità. E ora, una ricerca spagnola condotta dal dottor David Murcia-Lesmes, ricercatore in Scienze alimentari e nutrizione, mostra come i pomodori “possono svolgere un ruolo clinico favorevole nella prevenzione e nel trattamento dell’ipertensione”, che è uno dei grandi benefici per la salute. In Italia, 15 milioni di persone soffrono di pressione alta. Complessivamente il 31% della popolazione italiana è iperteso e il 17% è border-line. Negli uomini i valori sono più elevati nel Nord-Est (37%) e nel Nord-Ovest (32%), nelle donne al Sud (34%). Si tratta di una condizione in cui la pressione esercitata dal sangue contro le pareti delle arterie è così forte da causare altri problemi di salute come cardiopatia e insufficienza cardiaca.La cosa più preoccupante dell’ipertensione è che si tratta di una malattia silenziosa: non produce sintomi e nella maggior parte dei casi passa inosservata. Il consumo eccessivo di sodio è il principale fattore di rischio per soffrire di pressione alta, sebbene si tratti di un minerale molto importante per il corretto funzionamento del nostro corpo, poiché controlla la pressione sanguigna, il volume del sangue e consente il funzionamento di muscoli e nervi. L’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda che il consumo di sale, indipendentemente dalla sua origine, non superi i 5 grammi al giorno che corrisponde ad un cucchiaio da dessert. Da parte sua, la Heart Foundation specifica che abbiamo bisogno solo di 1,25 grammi di sale al giorno. La ricerca, pubblicata sull’European Journal of Preventive Cardiology , evidenzia che il consumo quotidiano di un pomodoro, o in alternativa di prodotti a base di questo ortaggio, riduce del 36% il rischio di ipertensione. Per giungere a questa conclusione, gli autori hanno chiesto a 7.056 partecipanti, di cui l’82,5% ipertesi, la quantità giornaliera di pomodoro . Pertanto, c’erano persone che assumevano meno di 44 grammi al giorno, quelle che mangiavano tra 44 e 82 grammi al giorno, tra 82 e 110 grammi e quelle che consumavano più di 110 grammi al giorno. La conclusione è stata che le persone che consumavano una quantità “intermedia” di pomodoro, cioè tra 44 e 82 grammi al giorno, la pressione sanguigna, sia diastolica (che viene misurata durante il riposo tra due battiti cardiaci) che sistolica (che viene misurata durante il battito cardiaco ). E perché il pomodoro ha questo “potere”? Tutto potrebbe essere dovuto al suo alto contenuto di licopene, un carotenoide che conferisce ad alcuni frutti e verdure il caratteristico colore rosso, come i pomodori, e che è un potente antiossidante. Inoltre, questo componente blocca anche la produzione di angiotensina, che regola la pressione sanguigna. “Coerentemente con i nostri risultati sull’ipertensione , un elevato apporto di licopene migliora la salute cardiovascolare nei partecipanti anziani e in sovrappeso riducendo il rischio di ictus”, evidenzia la ricerca. Certo, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, «non esistono cibi “magici”, ma bisogna puntare a un’alimentazione varia ed equilibrata, ricca di frutta e verdura di stagione, povera di prodotti a base di carne con grassi saturi e ridotta di cibi salati, zuccherati, grassi o ultra-processati .” “Le abitudini alimentari sono complesse, ma secondo lo studio attuale, un pomodoro al giorno può essere un passo importante e togliere il medico di torno, almeno in parte.” Come spiega la Fondazione Spagnola per la Nutrizione (FEN), tra le vitamine contenute nei pomodori “vale la pena evidenziare il contenuto di vitamina A, essenzialmente sotto forma di provitamina A e carotenoidi di vitamina C”. Una singola porzione di pomodoro “copre il 61% dell’apporto giornaliero raccomandato di vitamina C per la popolazione generale”. Per quanto riguarda il licopene, la sua quantità dipende dalla varietà coltivata. Ma “il pomodoro schiacciato o cotto e la sua combinazione con l’olio migliora l’assorbimento del licopene nel nostro corpo”.

Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RSS
Follow by Email